Al via la terza edizione di “Generare culture nonviolente”

Presentato il 2 novembre il programma di appuntamenti “Generare culture nonviolente”, promosso dall’assessorato al Welfare del Comune di Bari in rete con l’ufficio del Garante regionale dei diritti dei minori del Consiglio regionale della Puglia e le organizzazioni cittadine coinvolte e impegnate quotidianamente a combattere ogni forma di discriminazione e violenza.

L’iniziativa – giunta alla sua terza edizione – nasce per sensibilizzare i cittadini, specialmente le nuove generazioni, alla condivisione di una cultura nonviolenta e rispettosa delle donne e delle differenze, contro ogni forma di discriminazione e sopraffazione.

Quasi 100 eventi gratuiti organizzati lungo tutto il mese di novembre sul territorio cittadino, che si vanno ad aggiungere al lavoro che la rete del welfare, i centri antiviolenza e le varie realtà sociali e culturali svolgono quotidianamente per conoscere e sostenere le vittime, sensibilizzare e diffondere un’educazione e una cultura rispettose del genere e delle “diversità”.

“La rete Generareculturenonoviolente – ha commentato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico – incarna un messaggio forte che muove più di 100 realtà, pubbliche e private, a scendere nelle piazze, nei luoghi di lavoro e formazione, negli spazi di elaborazione culturale e politica, nei luoghi di cura per denunciare, sensibilizzare e promuovere nuovi modelli educativi, liberi da stereotipi e diretti alla valorizzazione delle differenze. Mai come in questo momento è necessario lavorare affinché si affermi una base interculturale che non lasci più spazio alle discriminazioni di genere ma diventi terreno comune per garantire sistemi di tutela per qualunque persona, sia essa uomo o donna, cristiana o musulmana, bianca o nera”.

“Il programma delle iniziative pone un’attenzione particolare al maltrattamento e alla violenza che riguardano bambini e ragazzi – ha aggiunto la garante regionale Rosy Paparella – un fenomeno spesso sommerso che alcuni dati ci dicono però essere in crescita”.

Diverse le iniziative in programma per “Generare culture nonviolente”: laboratori formativi, incontri a tema, letture, proiezioni cinematografiche, dibattiti, seminari, mostre ed eventi. Una grande festa di piazza sarà organizzata il 25 novembre in occasione della “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” per sostenere tutti insieme le ragioni della vita e dei diritti.
Obiettivo del progetto è stimolare e mantenere viva una riflessione che sia soprattutto culturale, per suscitare un cambiamento possibile e necessario negli atteggiamenti e nei comportamenti che alimentano gli squilibri nelle relazioni tra maschile e femminile.
La programmazione coinvolgerà tutti i municipi cittadini e si terrà nelle sedi delle organizzazioni coinvolte, nelle strutture del welfare cittadino e nelle piazze della città. Al centro del dibattito, cultura ed educazione di genere, omofobia, contrasto ad ogni forma di violenza e di discriminazione.

Per scaricare il programma: http://www.comune.bari.it/portal/page/portal/bari/novitaPortale/notizie?idn=12490#.Vjh9-yTk6UM.facebook

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.