“At a distance” – Il progetto fotografico sul Brasile meno conosciuto

Per più di un anno Tomer Ifrah, fotografo israeliano di 35 anni, ha ritratto San Paolo e Rio de Janeiro cercando scatti meno scontati e più lontani dalle solite rappresentazioni delle città, il Cristo Redentore, le favelas e i colori saturi con cui ce le immaginiamo.

Negli ultimi anni il Brasile è stato al centro di molte notizie: per la recessione economica e l’impeachment della presidente Dilma Roussef, per i Mondiali di calcio del 2014 e per le Olimpiadi di quest’estate.

Le foto di Ifrah – che si occupa soprattutto di fotografia documentaristica – prescindono dal contesto per avere una prospettiva più ampia:

«È una ricerca di paesaggi sconosciuti delle città brasiliane ed è anche una ricerca della giusta distanza, sia fisica che nei contenuti. Ho cercato di fotografare attraverso i simboli della vita quotidiana, e non attraverso i grandi eventi».

Ifrah ha spiegato che prima di arrivare in Brasile aveva visto molte foto del carnevale, delle spiagge e delle favelas ma dopo aver passato un po’ di tempo nel paese ha iniziato a notare altri aspetti della vita quotidiana che gli erano sconosciuti e che sono diventati il materiale del suo progetto.

Tra gli altri progetti del fotografo si annoverano quello sull’unico carcere femminile in Israele e quello sulla metropolitana di Mosca.

Articolo tratto da: http://www.ilpost.it/

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.