Attività Fondazione Nuova Specie

R E L A Z I O N E

OGGETTO: Relazione sottoscritta dal legale rappresentante della "Fondazione Nuova Specie – Onlus" in merito all’attività svolta

1) La Fondazione vuole rappresentare una risposta ai nuovi bisogni di ricerca, di trattamento e di formazione che il "disagio diffuso" richiede, creando una sinergia di risorse e di competenze tra diverse organizzazioni, al fine di sviluppare e diffondere competenze e servizi nella prevenzione, nella rilevazione, nel trattamento e nella riabilitazione del "disagio diffuso", mediante la realizzazione delle seguenti attività:

– ricercare, evidenziare, analizzare, interpretare, curare, prevenire, riabilitare gli aspetti fenomenologici e strutturali del “disagio diffuso” che si manifestano in tutte le età (bambini, adolescenti, giovani, adulti, anziani), nei gruppi sociali e nelle istituzioni;

– ricercare, individuare, interpretare, modificare le parzialità e i limiti strutturali – di tipo epistemologico, culturale, storico, sociale e progettuale – che si sono evidenziati nella “specie uomo" soprattutto attraverso il “disagio diffuso”;

– attivare in ogni modo, luogo e tempo, la nascita e la diffusione di “uteri devoti” di crescita che favoriscano il processo di transizione verso una Comunità Globale in tutte le età (bambini, adolescenti, giovani, adulti, anziani), nei gruppi sociali e nelle istituzioni;

– ipotizzare e sperimentare caratteristiche e condizioni per l’avvento di una Nuova Specie più intera e capace di una teoria-prassi globale; e ipotizzare e promuovere tappe intermedie preparatorie alla nascita dell’“Utero Psiche", di una modalità trasmissiva metastorica delle caratteristiche di una Nuova Specie più intera e capace di una teoria-prassi globale;

– documentare, analizzare, interpretare la strutturazione degli “Uteri Sociali” pregressi, con particolare riferimento alla “Civiltà Contadina” e ad altre culture organiche di tutti i Continenti;

– ricercare e individuare i "Me.Me." (Mediatori Metastorici) che ogni etno-cultura ha elaborato in tutti i propri ambiti conoscitivi, espressivi e di manifestazioni vitali. Una particolare cura e attenzione verrà data ai "Me.Me" del "Femminile", sia storico che attuale, in grado di favorire la gravidanza di una Nuova Specie;

– ipotizzare, approntare, sperimentare un "codice memico" globale, sintesi quadrimensionale dei vari "Me.Me." etno-culturali, che possa essere trasmesso e innestato vitalmente per favorire l’avvento di una Nuova Specie;

– formare singoli individui, gruppi, enti vari alle metodologie di trattamento del "disagio diffuso", alla Epistemologia Globale e al Quadrimensionalismo, all’intero progetto "Nuova Specie" espresso negli scopi della Fondazione Nuova Specie;

– perseguire finalità di beneficenza e solidarietà verso le persone che versano in condizione di emarginazione e, in tal senso, sostenere progetti di solidarietà anche di altre organizzazioni senza scopo di lucro, in Italia ed in altri Paesi, con finalità simili alle proprie;

– attuare programmi per la formazione e l’impiego di personale volontario e servizio civile;

– organizzare iniziative e programmi di educazione alla salute globale e per la promozione e la difesa dei diritti di cittadinanza;

– organizzare manifestazioni e spettacoli per diffondere tra i giovani la cultura della tutela e valorizzazione globale della vita;

– organizzare iniziative e programmi di educazione allo sviluppo per la promozione e la difesa dei diritti delle donne, minori e giovani, immigrati provenienti da altre etno-culture;

– promuovere e realizzare qualsiasi attività formativa atta a perseguire le finalità della Fondazione anche in collaborazione con Enti ed Istituti, Pubblici e Privati, Istituti Universitari, Scuole di Specializzazione.

2) Il capitale di dotazione è pari a 250.000,00= euro e per euro 366.187,83= euro da destinare al patrimonio di gestione. Inoltre il capitale di dotazione, il cui fine essenziale è quello di assicurare nel tempo il perseguimento dello scopo, ma soprattutto tutelare i terzi, può essere ripartito in varie forme (liquidità e parte investimento no risk vincolato con ricapitalizzazione degli interessi maturati, al fine di incremento dello stesso).

Attualmente l’intero patrimonio mobiliare intestato alla Fondazione Nuova Specie alla data del 31 luglio 2012 risulta essere di euro 616.157,83= euro, in virtù della partecipazione di numerosissime associazioni all’attività della ONLUS, che a mero titolo esemplificativo, senza pretesa di esaustività, di seguito si elencano:

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE FOGGIA";

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE MARCHE";

"ASSOCIAZIONE NUOVA SPECIE";

"ASSOCIAZIONE CAMMINIAMO INSIEME";

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE ROMAGNA";

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE BASILICATA;

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE ABRUZZO";

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE VENETO";

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE LOMBARDIA";

"ASSOCIAZIONE KOILOS";

"ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE BARI";

associazioni tutte che, oltre ad aver messo a disposizione della Fondazione le proprie sedi operative e le spese organizzative dei vari eventi, si sono anche impegnate a versare annualmente la una somma fissa, giusta elenco che si allega alla presente relazione sotto la lettera "A".

E’ opportuno sottolineare che parte dei costi fissi, quali le spese concernenti la sede ad esempio, sono esenti poichè sede, utenze e servizi di gestione per la stessa sono a carico di altro ente.

Allo stato attuale non sussiste presenza di beni immobili intestati alla Fondazione, ma non è di poco momento la circostanza che il socio Fondatore, DONATI Mila ha già ottenuto autorizzazione, in data 24 febbraio 2012, dal Tribunale Ordinario Di Foggia Sezione Distaccata Di San Severo di trasferire a favore della Fondazione i diritti alla medesima spettanti, nonché al di lei figlio COMPAGNONE Luigi, su di un immobile sito nel Comune di Ancona Via Guglielmo Marconi n.121, individuato nel relativo Catasto Fabbricati al foglio 14, particella 186, subalterno 43.

In conclusione, si sottolinea, che la Fondazione nell’ultimo anno è stata promotrice di numerosissime attività che a mero titolo esemplificativo si elencano, anche in questo caso senza pretesa di esaustività, in un cd che si allega alla presente relazione (Settimane intensive, Progetti per psicotici, Progetti nelle scuole, Corsi di formazione, pomeriggi letterari globali, Associazioni alla Salute Regionali, supervisioni, seminari, ritualità, Il femminile e Maschile, Locandine attività, DVD Progetti).

In continuità con quanto fin qua realizzato, da settembre ad aprile sono state programmate le seguenti attività:

– due settimane intensive del metodo alla salute a Cesenatico (FC) in collaborazione con l’Associazione alla Salute Romagna; una settimana intensiva in collaborazione con l’associazione alla salute Foggia, e tre settimane di prima accoglienza del metodo alla salute in collaborazione con l’associazione Koilos e con l’Associazione alla Salute Bari;

-Corso di formazione “Dare Forma al disagio diffuso” dal 03 al 07 ottobre in collaborazione con l’Associazione alla Salute Foggia; due settimane in novembre di un corso di Quadrimensionalismo in collaborazione con l’Associazione alla Salute Basilicata; una settimana a febbraio 2013 sul tema “Rapporti genitori figli nell’utero e a cielo aperto” in collaborazione con l’Associazione alla salute Veneto; un corso di due settimane di epistemologia globale nel mese di aprile 2013 in collaborazione con l’Associazione alla salute Abruzzo;

– in settembre 2012 due pomeriggi letterari globali e un convegno di due giorni sul Progetto Rainbow e sul Progetto FAAMA in collaborazione con l’Associazione alla Salute Marche;

– da settembre ripresa del progetto “Il cerchio magico” in due scuole medie di Fano (PU) e nella scuola elementare di Ordona (FG) e del progetto “Il Cavallo di Troia” con la scuola elementare e media del Comune di Troia;

– conferenze in varie regioni per la presentazione del libro “Alla ricerca della mia stella. Come crescere e diventare adulti nel terzo millennio” del sociologo Silvio Boldrini, edito da Nuova Spdecide;

– terza festa nazionale dell’Insieme Femminile-Maschile a Cinisello BALSAMO (MI) in data 21 marzo 2013 in collaborazione con l’Associazione alla salute Lombardia;

– seminari di sensibilizzazione sul disagio diffuso e Gruppi alla salute in varie realtà regionali.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.