Being gay in Russia

Nel 2013 il governo russo ha approvato una legge che vieta la promozione di rapporti sessuali ‘non tradizionali’ tra i minori. Il fotografo Egor Rogalev ha deciso di capire quali sono le conseguenze di questa normativa sulla vita delle persone gay e lesbiche. Ne è nato il progetto fotografico ‘Being gay in Russia’. Le immagini mostrano la vita di alcune persone o coppie di San Pietroburgo e sono accompagnate dalle risposte ad alcune domande poste dal fotografo. Quali sono le conseguenze della normativa? Come pensi di tutelarti? Quali strumenti intendi adottare per contrastare la politica omofoba del governo russo? “Questa legge significa privazione della mia libertà. Ora le persone possono essere arrestate semplicemente camminando mano nella mano – dice Toshira – Dalla mia università sono stati espulsi due studenti per un bacio in corridoio. Credo che questo sia ingiusto e crudele”. La mostra omonima è visitabile fino al 7 luglio 2014 a Bologna, all’Istituto Parri, curata da da Yulia Tikhomirova e Sara Casna di YarT Photography.

(Fonte: Redattore Sociale 30 giugno 2014)

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.