Caponero Capobianco

Caponero Capobianco (doc, 6’, Italia, 2012) di Rossella Anitori e Antonio Laforgia Fotografia: Rossella Anitori, Antonio Laforgia, Raffaele Petralla Montaggio: Rossella Anitori, Antonio Laforgia, Chiara Russo Si svegliano quando è ancora buio; ammassati nei furgoni percorrono un labirinto di strade sterrate fino ai campi dove lavorano a testa bassa per oltre dieci ore. Sono i braccianti della grande piana del pomodoro italiano. Migliaia di migranti africani condannati dalla mancanza di alternative ad nutrire il grande serbatoio di lavoro nero che sostiene i profitti dell’industria agroalimentare. Non conoscono buste paga, contratti né diritti. Vengono reclutati dai loro stessi connazionali, i “capineri”, dietro a cui si nasconde il “padrone bianco”. Due facce della stessa medaglia, quella di un sistema che dal 2011 la legge riconosce come reato, ma che nelle campagne italiane è ancora la regola.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.