Chi siamo noi del GotA’n_go

Equipe GotA’n_go

Dietro un progetto c’è sempre una storia, anzi più storie, che ad un certo punto, si incontrano per sviluppare un’idea. Professionisti diversi (provenienti dall’ambito della psicologia/psichiatria, dalla danza, dall’arte) accomunati dall’interesse per l’animo umano, da una visione di Cura attraverso canali altri (la mediazione artistica) e affascinati – a vario titolo e misura – dalla magia del Tango, si incontrano attorno all’idea di Tango-terapia.

Così nasce la nostra proposta: offrire – attraverso il Tango – uno spazio di espressione, conoscenza e sviluppo del Sé, poiché nel tango, attraverso il movimento, il corpo parla e racconta le paure, il dolore, le barriere, … le ambizioni, i sogni delle persone. Uno spazio, quindi, nel quale veicolare – tramite l’apprendimento dei principali elementi del tango – una riflessione sul proprio modo d’essere e di incontrare l’Altro, sui propri limiti, disagi e resistenze, nonché sulle proprie risorse e potenzialità, a volte ignorate. Il Tango induce una molteplicità di esperienze a livello immaginativo, sensoriale, emotivo, corporeo e cognitivo. L’incontro in un’équipe complessa, di figure diversificate, dà alla psichiatria la possibilità di abbandonare il suo linguaggio tradizionale e far incontrare la mediazione artistica con il tango! Una “fusion” che permette una diversa elaborazione del mondo sensoriale e cenestesico, dell’esperienza percettiva e cognitiva che, integrati favoriscono la consapevolezza del proprio corpo, delle proprie rappresentazioni ed emozioni e con sé e con gli Altri.

Facciamo qualche passo indietro in questa storia, al momento in cui il dott. Federico Trossero, psichiatra italo-argentino, ballerino di tango e tango-terapeuta intuisce che dall’unione tra Tango e Psicologia-Psichiatria possa nascere un interessante strumento di cura/prevenzione del disagio psicofisico. Inizia, dunque, a farne esperienza con i suoi pazienti (pazienti con disturbi d’ansia, psicotici … pazienti con problemi di autostima e di relazione col sesso opposto, … ) e, alla luce dei risultati riscontrati, inizia a sviluppare e divulgare il suo metodo; un metodo che potremmo datare – come momento di nascita – nel 2006, con la pubblicazione del suo primo libro sull’argomento (Trossero Federico: Tangoterapia. Una propuesta para el encuentro con uno mismo y con el otro, Ediciones Continente, Buenos Aires)

Nel 2008 si tiene in Argentina il primo Congresso Internazionale di Tangoterapia e nello stesso anno un magico incontro: Federico Trossero approda in Puglia con il progetto “TANGO SALUS” finanziato dalla Regione Puglia all’interno del Piano 2008 “interventi in favore dei pugliesi nel mondo”, in collaborazione con l’Associazione Pugliesi di Buenos Aires e Gran Buenos Aires, e la Cooperativa Al.i.c.e (Alternative Integrate contro l’Emarginazione) .

Sull’onda di quella prima esperienza nasce l’équipe GotA’n_go, che si propone di recuperare quell’eredità per darle nuova vita. Nasce così il progetto Tango Salus ..in coming, progetto che si propone di unire il vocabolario del tango e quello delle scienze della “psiche” aprendo anche ad altre forme di mediazioni artistiche. Una “fusion” estremamente innovativa che permette una diversa elaborazione del mondo sensoriale e cenestesico, dell’esperienza percettiva e cognitiva che, integrati favoriscono la consapevolezza del proprio corpo, delle proprie rappresentazioni ed emozioni e con sé e con gli Altri.

Attualmente il gruppo sta lavorando sul tema “Essere, esserci, percepirsi” . in un laboratorio esperienziale di terapia di gruppo mediata dagli elementi del tango assieme ad altre forme di mediazione artistica secondo il concetto che la dimensione simbolica (arte, musica, danza, pittura ecc.) riconfigura l’esperienza del vivere.

GotA’n_go è un’ équipe costituita dalle seguenti figure professionali:

Nicoletta De Marzo, counselor in formazione

Michele De Nicolò, maestro di tango

Immacolata d’Errico, psichiatra, psicoterapeuta, tango-terapeuta

Domenico Mastrofilippo, psicologo e psicoterapeuta

Marcello Nardini, psichiatra

Rosa Rubino, responsabile pubbliche relazioni Al.i.c.e.

Antonio Sinisi, grafico

Anna Taddonio, operatore olistico trainer

Donatella Tummillo, responsabile Al.i.c.e. AreArtiEspressive e artista

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.