Classe Zeta- trailer

“Senta professore, io L’attimo fuggente l’ho visto ma non mi è piaciuto. Quel ragazzo si suicida…». Accade anche questo in Classe Zeta, il film di Guido Chiesa uscito il 30 marzo nei cinema italiani: viene sfatato il mito del film con il professore Keating-Robin Williams che sale sul tavolo e recita i versi di Witman “O Capitano, mio capitano”. Quell’insegnante che sì, sarà stato controcorrente ma certamente insensibile di fronte al malessere del suo studente, viene stroncato da Viola, una degli studenti della classe “maledetta” protagonista del film di Chiesa. E il giudizio lapidario sul film lo lancia proprio al giovane professorino soggiogato dal personaggio di Keating, ansioso di redimere quel gruppo di sfigati ma accecato dall’ideologia ribellistica.

È una commedia, Classe Zeta, ma fa riflettere sulla scuola in generale e su quella di oggi, in particolare. Il film racconta di una classe di soggetti difficili, svogliati, dei semi-teppisti, che nel disinteresse e incapacità dei professori, il preside (Alessandro Preziosi) dalla mentalità manageriale (davvero stile Buona scuola degli esordi) relega in uno spazio tutto per loro, per non compromettere il lavoro degli altri, quelli “normali”, quelli bravi.

È la classe H ma in realtà è quasi una classe differenziale, un recinto, alla faccia del concedere a tutti le stesse opportunità di partenza, che dovrebbe essere il principio della scuola secondo la Costituzione. No, il gruppetto di studenti, la bella fatale (Greta Menchi che è una youtuber nella realtà), i gemelli cinesi, il ragazzo erotomane, l’altro introverso, il fanatico youtuber, e un altro facile agli scatti d’ira, costituiscono un caravanserraglio umano forse un po’ esasperato ma per certi versi rappresentativo di quella generazione Z, la prima tutta digitale, “smart”, ma anche molto sola e dalle relazioni difficili.

Nel film Classe Zeta il povero professor Andreoli (Andrea Pisani) è sottoposto a scherzi feroci, mobbizzato dai ragazzi, che alla fine però comprendono che senza di lui sono perduti, che correranno veloci sì, ma verso la bocciatura.

Mentre il prof abbandona il mito Keating per calarsi di più nella realtà umana dei ragazzi, loro accetteranno di studiare, magari in gruppo, con un sistema di autoaiuto che poi alla fine funziona. A modo suo il film di Guido Chiesa è un motivo di riflessione anche sulla Buona scuola che si trova – non sempre naturalmente – a dover confrontarsi con una categoria di studenti come quella del film.

È nel finale che si scontrano le due posizioni, quelle del preside manager e quelle di un professore più umano (Antonio Catania), il quale mette bene in evidenza quello che è un concetto cardine della vera buona scuola: comprendere i ragazzi e insegnare bene vanno di pari passo. Non è possibile una visione schizofrenica dell’apprendimento, anche perché a scuola va di scena una relazione umana. E il film di Chiesa lo dimostra ampiamente.

Articolo di Donatella Coccoli tratto da: https://left.it

 

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.