“Del Racconto, la Discriminazione” al Festival nei castelli – Mola di Bari

[cinema]

VICINI (sitcom)

Chiedilo ai cinesi

Non li conosci gli anziani

Arrivano i musulmani

Attenti ai disabili

Tu lo sapevi che erano gay?

[ospiti]

Irma Melini, consulente UNAR, Dipartimento Pari Opportunità e Antidiscriminazioni Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Tiziana Corti, struttura referente Pari Opportunità e Non Discriminazione Regione Puglia

L’Italia è un Paese razzista? Omofobo? Intollerante? “Distratto” in fatto di solidarietà? Lo scopriremo oggi alle 20.30, nel castello angioino di Mola di Bari, nell’ambito di una nuova giornata del Festival di cinema e letteratura “Del Racconto, il Film.

“Del Racconto, la Discriminazione” è infatti il titolo della serata organizzata in collaborazione con l’UNAR, l’Ufficio nazionale Antidiscriminazioni Razziali che si occupa della promozione della parità di trattamento e della rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica.

Con Irma Melini, consulente dell’UNAR e Tiziana Corti della struttura referente Pari Opportunità e Non Discriminazione della Regione Puglia, commenteremo la sitcom “Vicini. Il mondo comincia dalla porta accanto”, cinque corti che mettono in scena in chiave ironica i diversi pregiudizi che anche persone in perfetta buona fede si trovano ad avere quando entrano in contatto con la “diversità”. “Vicini” è un progetto finanziato dall’Unar attraverso il Fondo sociale europeo.

Nelle 5 puntate conosceremo gli anziani Ada ed Egidio, i musulmani Aisha e Youssuf, la coppia gay Michele e Raffaele, le sorelle cinesi Memei e Xu e i disabili Benedetta e Tommaso. Piccole storie per comprendere la doppia anima del pregiudizio: quella di chi per paura percepisce l’altro come un pericolo e quella di chi ha una visione pittoresca e idilliaca degli altri, basata comunque sui luoghi comuni.

26 giugno 2012 – ore 20.30

Castello angioino, Mola di Bari

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.