Diaz campagna 10×100

Undici anni dopo Genova, lo Stato non ha ancora chiarito chi comandasse l’operazione alla Diaz. Così mentre lo Stato si assolve da quella che Amnesty International ha definito ‘la più grande sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale’, il prossimo 13 luglio dieci persone rischiano di diventare i capri espiatori e vedersi confermare, in Cassazione, una condanna a cento anni di carcere complessivi, in nome di un reato, ‘devastazione e saccheggio’, che rappresenta uno dei tanti detriti giuridici, figli del codice penale fascista, il cosiddetto Codice Rocco.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.