DIRE, FARE, EDUCARE: MUTISMO SELETTIVO E INCLUSIONE

convegnomurismoselettivo ConvegnoMutismo

Il Mutismo Selettivo è un disturbo poco conosciuto e apparentemente raro. Colpisce prevalentemente i bambini ed è caratterizzato dall’incapacità di parlare in alcuni contesti sociali, nonostante lo sviluppo e la comprensione del linguaggio siano nella norma. Sono bambini che a casa non stanno mai zitti, mentre fuori o in presenza di estranei, in luoghi pubblici o in contesti sociali, come l’asilo o la scuola, non riescono a parlare.

Non è un fenomeno dovuto a qualche disfunzione organica o a un’incapacità correlata allo sviluppo, ma è un disturbo legato all’ansia. I bambini con Mutismo Selettivo sono particolarmente sensibili e spesso il loro atteggiamento viene interpretato come eccessiva timidezza.

In Italia c’è ancora poca informazione a riguardo.

L’Associazione A.I.Mu.Se., che opera su tutto il territorio nazionale, ha come missione primaria quella di diffondere una cultura del Mutismo Selettivo – soprattutto nella scuola – e di fornire un sostegno ai genitori che si trovano a dover affrontare con i loro figli questo disturbo, con consigli, suggerimenti, aiuto…

Ogni bambino dovrebbe vedere riconosciuto il diritto di crescere serenamente e di condurre una vita senza paure e ricca di gioia. La sensazione che provano i genitori di un bambino o di un ragazzo quando viene formulata la diagnosi di Mutismo Selettivo è, in genere, di smarrimento e di “vuoto”; vuoto intorno a sé, perché non se ne è mai sentito parlare; vuoto per la carenza informativa nelle strutture sanitarie; vuoto per l’impossibilità di leggere e documentarsi attraverso pubblicazioni in italiano; vuoto…perché si ha l’impressione di essere i soli a dover affrontare tutto questo. In Italia lo studio e l’interesse per il Mutismo Selettivo è scarso, la letteratura clinica in lingua italiana pressoché inesistente e risulta difficile valutare la percentuale di incidenza e prevalenza di questo disturbo, in quanto non esiste uno studio o una raccolta di dati statistici. Con la nostra attività vogliamo che tutte le bambine e i bambini che soffrono di Mutismo Selettivo possano avvalersi di un quadro diagnostico corretto, in modo da poter intervenire rapidamente su questo disturbo, in quanto il fattore “tempo” gioca un ruolo determinante per un’efficace terapia. A tal scopo, l’Associazione AIMUSE intende diffondere quanto più possibile informazioni corrette sul Mutismo Selettivo, sensibilizzare la società su questo increscioso fenomeno che sottrae parte dei bambini alla serenità , alla gioia del gioco e dell’interagire con gli altri. Nutriamo anche la segreta speranza che, stimolati dal confronto con esperienze straniere, anche in Italia si comincino a raccogliere dati e che, un poco per volta, favorendo lo sviluppo di una cultura del Mutismo Selettivo, si crei anche nel nostro Paese un circuito di professionisti e studiosi che espongano le loro tesi, le arricchiscano e fra loro si confrontino.

DIRE, FARE, EDUCARE: MUTISMO SELETTIVO E INCLUSIONE

convegno

Sabato 7 marzo 2015

presso la Fabbrica delle E, Gruppo Abele 

Corso Trapani, 91/B – Torino

 

PROGRAMMA:

8.45 Accoglienza e registrazione dei partecipanti

9.15 Apertura dei lavori – Giacomo Matteini, Presidente AIMuSe

9.30 Mutismo Selettivo. Criteri diagnostici e interventi terapeutici come integrazione tra bambino, famiglia e scuola – Claudia Gorla, psicologa, psicoterapeuta sistemico relazionale e Federica Trivelli, psicologa, psicoterapeuta cognitivista dell’infanzia e dell’adolescenza

10.00 Il Mutismo Selettivo nel contesto scolastico: valutare le relazioni tra pari e con l’insegnante – Claudio Longobardi, docente di Psicologia dello sviluppo tipico e atipico e Psicopatologia dello sviluppo, Dipartimento di Psicologia, Università di Torino

10.20 La nuova frontiera dei Bisogni Educativi Speciali: perché parlare di Mutismo Selettivo? –  Felice Corona, professore associato Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Salerno

10.40 Includere il silenzio: idee pratiche per aiutare i bambini con Mutismo Selettivo o con timidezza estrema –Micheal Jones, Education Advisor, educatore esperto in Mutismo Selettivo

Pausa caffè

11.30 L’esperienza racconta: gestire l’ansia a scuola – Lidia Casale, insegnante IC Pino Torinese e psicologa

11.50 “Mi presti la tua voce?” Prima nazionale del videodocumentario sul Mutismo Selettivo – Miranda Martino, redattrice Nichelino.tv

12.15 Conclusioni e chiusura dei lavori

Moderano:

Loredana Pilati – Consigliere Nazionale AIMuSe

Rosa Maria Aloia – psicologa e psicoterapeuta

Per ulteriori informazioni contattare la dott.ssa Aloia all’indirizzo: aloia@libero.it oppure direttamente l’Associazione all’indirizzo:  info.piemonte@aimuse.it oppure telefonare al numero 320 7741330.

 

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.