Echiseloscorda! Racconti di Servizio Civile

#echiseloscorda: il 2 giugno il Scn alla Camera dei Deputati

Sono stati 800 i giovani del Servizio Civile Nazionale accolti alla Camera dei Deputati il 2 giugno scorso, in occasione della festa della Repubblica. E noi non potevamo mancare.

In mattinata 25 volontari del Servizio Civile Nazionale hanno sfilato a Roma, lungo i Fori Imperiali nel VII Settore – I corpi armati e non dello Stato.

Nel pomeriggio, vestiti tutti uguali, con le magliette del Servizio Civile, si sono seduti tra i banchi dei parlamentari e del Governo per l’incontro “Servizio Civile: giovani per un’Italia solidale”.

I ragazzi e la ragazze, arrivati con i pullman dei loro enti, da tutta Italia hanno incontrato la presidente Laura Boldrini, insieme al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti e al sottosegretario di Stato Luigi Bobba.

Tutta la manifestazione è stata trasmessa in diretta su Rai Tre, qui si può vedere una sintesi:

Immagine anteprima YouTube

L’appuntamento è stata l’occasione per parlare non solo del Servizio Civile come difesa non armata e non violenta della Patria, ma anche di tutto il mondo del volontariato: “Un mondo che c’è ma non si vede”, ha dichiarato la presidente Boldrini riconoscendo l’importanza di un’attività che spesso va a colmare le lacune sociali. L’incontro è stato particolarmente emozionante per gli interventi di 4 volontari, di cui due rappresentanti nazionali: Matteo, Antonella (rappresentante Sud Italia), Yuri (rappresentante Nord Italia) e Lia.

resoconto

Negli interventi dei Ministri si è rilanciato il Servizio Civile Universale: il progetto renziano di “non negare a nessun giovane che ne faccia richiesta l’esperienza del servizio civile nazionale”, come ha specificato il sottosegretario Luigi Bobba. La riforma prevede di raggiungere le 100mila unità di volontari da avviare nel primo triennio.

 

La festa del 2 giugno ha rappresentato un’occasione per molti giovani volontari di tutta Italia che condividono un progetto, di incontrarsi e vivere insieme questo momento di riconoscimento dei loro impegni e del loro ruolo da parte delle Istituzioni. Un evento emozionante quanto raro che, però, potrebbe aprire la strada a un impegno sempre maggiore del Governo a riconoscere l’importanza del mondo del volontariato e del Servizio Civile come momento di formazione per i cittadini di uno Stato pacifico e non violento.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.