Il coraggio di cambiare per crescere

Alcuni interventi realizzati in ambienti no profit.

Ecco il concept.

Acqua, terra, aria. Sono questi gli elementi che donano la forza vitale al nostro Pianeta. Sono questi i principi vitali cui il feng shui, antica arte orientale di disporre gli spazi della propria abitazione in armonia con l’energia dell’universo, si richiama per avere una casa a misura d’uomo, che potenzi la nostra energia interiore.

A questi elementi, secondo la filosofia orientale,  è legata anche la possibilità di ottenere ricchezza, pace e prosperità .

Tutelando la natura e l’ecosistema, potremo reagire al rapido esaurimento delle risorse naturali, drammaticamente messo in evidenza, per la prima volta, dallo shock petrolifero del 1973, ed aprirci una reale possibilità di un futuro vivibile.

 

Parte da tutti questi presupposti l’operato aziendale ed artistico di Mirko Rossi, in arte MiRo, l’artilente, artista e consulente, come si definisce lui stesso secondo un neologismo creato ad hoc, che propone soluzioni studiate su misura per spazi aziendali, abitazioni private, negozi e studi professionali, sia a livello di interni che di esterni, in particolare giardini.

Sul fronte aziendale  Mirko Rossi, classe 1971, di origine cremonese ma bresciano d’adozione, ha creato MDM (www.mdmsoluzioni.net), un network di aziende e professionisti che studiano soluzioni “verdi”, amiche dell’ambiente, per favorire una crescita economica etica delle aziende che si rivolgono loro.

 

Infatti, ogni volta che un manager effettua scelte relative all’agire d’impresa, è necessario che ricordi che i costi delle sue valutazioni non ricadono solo sulla realtà aziendale  che le adotta, ma anche sull’intera comunità, soprattutto come effetti a lungo termine.

Oggi, come ci ricorda il filosofo partenopeo Domenico De Masi, siamo in presenza di un cambiamento caotico, un vero e proprio mare in tempesta, abitato da una recessione strisciante.

Per questo è necessario trovare la strada per un progresso sostenibile, un’alternativa che si fondi sul rispetto di tutto ciò che ci circonda e su una parallela lotta agli sprechi. “Scelte etiche sono necessarie per sconfiggere la povertà – secondo le parole di De Masi – ed affermare la sostenibilità”.

Questa stessa ottica permea l’arte di MiRo (www.miroarte.it) , un’arte libera, selvaggia, atipica, ribelle, riottosa ad ogni incasellamento e definizione standardizzata.

Un’arte bella e gioiosa, frutto della creatività e di un amore viscerale per la natura, dal verde delle montagne al buio umido e protettivo delle grotte, che ha dentro di sé tutto il pulsare della voglia di vivere di chi “non smette di dipingere la tela della propria esistenza e di farla vibrare”, come scrive di lui Maria Luisa Tuccitto.

Un’arte, quella di MiRo, figlia della lezione dell’architetto Gaudì, che con il suo agire innovativo, unito al senso del bello, seppe creare un design non solo in grado di incantare gli occhi ma anche funzionale alle esigenze del fruitore. Bello e utile, dunque: un connubio esplosivo.

 

Gandhi diceva “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Un cambiamento possibile se ci si affida ai propri sogni, quelli di cui Shakspeare diceva fossero fatti tutti gli esseri umani, quelli che bisogna avere il coraggio di conservare, di agguantare e di condividere, come ci ricorda il cantante Pino Daniele in una sua nota canzone.

Provateci con noi, partendo da una rivoluzione copernicana del pensiero, che precorre ogni tipo di azione, e sbloccando le energie sopite che sono dentro ognuno.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.