“Il poggio”: centro enogastronomico per il recupero dei ragazzi vittime di disagio sociale a Napoli

Aprirà nel quartiere disagiato di Poggioreale a Napoli un nuovo polo enogastronomico nelle sedi di un ex-opificio. Non solo un ristorante ma un vero e proprio progetto sociale, dove saranno impiegate 60 persone, di cui 50 ragazzi in parte segnalati dai servizi sociali e due giovani con sindrome di Down, oltre a immigrati e a un detenuto in affidamento.

L’iniziativa è del gruppo Gesco – che la realizza anche con con il sostegno di Fondazione Con il Sud e Fondazione Vodafone – e che per perfezionare la formazione dei 47 ragazzi si è avvalsa del bando Garanzia Giovani.

L’idea è che “Il Poggio” funzioni soprattutto come punto di riferimento per giovani e famiglie in un quartiere quasi completamente privo di luoghi di aggregazione e di ritrovo.

Incontrarsi per mangiare a prezzi contenuti e stare insieme, ma anche mostre, presentazioni di libri, convegni e concerti. Un “market del cucinato” che ospiterà una Scuola di formazione dedicata alle professioni della cucina e dell’enogastronomia come quelle di pasticcere, sommelier, operatore del servizio bar, mâitre.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.