Lo diresti al tuo antennista? #coglioneNo

Campagna di sensibilizzazione per il rispetto dei lavori creativi. Giovane sì #coglioneNo

Scritto da fables il 13 Gen 2014 in Viral

Sfruttati, malpagati e frustrati, i giovani d’oggi con ambizioni da creativo o pubblicitario, si ritrovano spesso a lavorare per la gloria, nasce così la campagna di sensibilizzazione per il rispetto dei lavori creativi: #coglioneNo.

"E’ la reazione di una generazione di creativi alle mail non lette, a quelle lette e non risposte e a quelle risposte da stronzi.

È la reazione alla svalutazione di queste professionalità anche per colpa di chi accetta di fornire servizi creativi in cambio di visibilità o per inseguire uno status symbol.

È la reazione a offerte di lavoro gratis perché ci dobbiamo fare il portfolio, perché tanto siamo giovani, perché tanto non è un lavoro, è un divertimento.

Questo gennaio ZERO vuole unire le voci dei tanti che se lo sentono dire ogni volta. Vogliamo ricordare a tutti che siamo giovani, siamo freelance, siamo creativi ma siamo lavoratori, mica coglioni".

Nascono 3 soggetti che vedono tra gli “sfruttati” un idraulico, un antennista e un giardiniere.

I video sono ideati e girato da Stefano De marco, Niccolò Falsetti e Alessandro Grespan. A completare il team ci sono Luca Di Giovanni nei panni dello sfruttatore di turno, e Benjamin Maier alla fotografia.

Fonte: http://www.bloguerrilla.it

Follow ZERO on http://on.fb.me/17RS9tFCampagna di sensibilizzazione per il rispetto dei lavori creativi#coglioneNo http://www.zerovideo.net/coglionenocon Luca di Giovanni e Alessandro Grespandop Benjamin Maiersound Lorenzo Schirruper la realizzazione di questi spot nessun creativo è stato pagato

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.