Memoria paralimpica – parla Beatrice Vio

Memoria paralimpica  è un progetto nato a Ostia dove vive ancora un piccolo nucleo dei primi atleti paralimpici italiani oggi 70-80enni. Approdati giovanissimi al Centro per paraplegici dell’Inail diretto dal dottor Antonio Maglio tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, hanno rimesso in moto le proprie vite attraverso lo sport…

Un filo rosso – dalla fase pionieristica di Ostia – ci conduce fino alle Olimpiadi di Rio de Janeiro – 7-18 settembre 2016 – quando la Nazionale italiana ha portato oltreoceano atleti consumati e stelle nascenti di questa nuova stagione paralimpica.

Questo video riporta ad esempio la testimonianza di Beatrice Vio (Mogliano Veneto, classe 1997).

Beatrice comincia a praticare la scherma nel 2002, all’età di soli cinque anni. Nel 2008 è colpita da meningite fulminante e due anni dopo scopre la scherma in carrozzina. Da lì un successo dopo l’altro: campionessa mondiale under 17 nel 2011, prime partecipazioni alle coppe del mondo nel 2012, primi ori in coppa del mondo nel 2013, campionessa europea nel 2014 e campionessa mondiale nel 2015. Nel 2012 è stata tra i tedofori ai Giochi paralimpici di Londra.

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.