Nepal – Il progetto di Water Aid contro il tabù del ciclo mestruale

Una serie di immagini realizzate da 7 ragazze nepalesi per raccontare cosa non possono fare quando hanno il ciclo mestruale.

L’iniziativa fa parte di un progetto dell’Associazione non governativa Water Aid con il fine di sensibilizzare la popolazione mondiale sul ricorso a pratiche igieniche più adeguate.

Il progetto ha avuto luogo nel distretto di Sindhuli, nel sudest del Nepal.

Alle ragazze è stata fornita una macchinetta fotografica per documentare le condizioni alle quali sono frequentemente sottoposte durante il loro periodo mestruale, tra cui l’isolamento e diversi altri divieti. Tutte le immagini da loro scattate sono state poi esposte alla comunità al fine di contribuire a sfatare le false credenze sul ciclo mestruale.

Bandana Khadka ha 15 anni e ogni mese, durante il ciclo mestruale, è costretta a vivere lontana dalla propria famiglia. Non può toccare il cibo, non può stare seduta a tavola con i fratelli e non può nemmeno andare a scuola o raccogliere dei fiori. Bandana non può neanche guardarsi allo specchio. Agli occhi della famiglia è impura e contaminata.

In diverse parti del mondo le mestruazioni sono ancora un argomento tabù, che non può essere affrontato attraverso una corretta informazione. Questo oscurantismo che circonda il periodo mestruale è alimentato da miti e false credenze che nella maggior parte dei casi ostacolano la vita quotidiana di molte ragazze che vivono in queste zone, alterandone così il benessere fisico e mentale.

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.