Nuova emergenza profughi giunti dal Nord Africa: a Lucca, la cooperativa sociale Giovani e Comunità apre le porte de Il Cedro a otto giovani

Sono otto, i giovani provenienti dalla Costa d’Avorio accolti, lo scorso fine settimana, tra le mura de Il Cedro, struttura polivalente nonché quartier generale della coop Giovani e Comunità associata al Consorzio So.&Co;. Nata nel 1982 dall’esperienza di volontariato Ce.I.S., Giovani e Comunità è quotidianamente in prima linea nel recupero e nel sostegno di persone affette da dipendenza e con disabilità mentali ma anche, come in questo caso, immigrati giunti da zone di estrema povertà e guerra.

Ad accogliere i giovani, tutti intorno ai venti anni, gli operatori della cooperativa e un mediatore linguistico e culturale che oltre a fornire la prima accoglienza starà loro vicino per tutto il tempo necessario al vero e proprio inserimento. E questo progetto, gestito insieme alla Prefettura di Lucca e al Ministero degli Interni, rispetta a pieno l’idea con cui la struttura di housing sociale fu concepita, ovvero come istanza di mediazione e di emancipazione attraverso il lavoro di rete individualizzato, l’attivazione e l’ottimizzazione dei rapporti di collaborazione con altre realtà istituzionali e sociali.

Da non escludere, che durante la loro permanenza, prevista fino al 30 giugno, i ragazzi nordafricani possano approfittare del “campo agricolo sociale” adiacente la struttura, partecipando in modo attivo e responsabile alla coltivazione biodinamica e naturale.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.