Project Unbreakable di Grace Brown, contro la violenza

"Sono fermamente convinta che la fotografia possa aiutare a guarire e a rimettersi in pace con il mondo, che riesca a dar voce ai nostri sentimenti e ad incanalare in modo positivo le frustrazioni e la sofferenza. Proprio partendo da questo principio è possibile sviluppare tanti progetti belli ed emozionanti, basta buttare giù i muri che ci siamo costruiti attorno. Un lavoro molto interessante è certamente “Project Unbreakable” di Grace Brown, quello che era nato come un portfolio è diventato una vera comunità in cui le donne cercano e trovano il sostegno necessario per andare avanti.“Project Unbreakable” è un lavoro che Grace Brown ha iniziato nel 2011 per aiutare le donne vittime di stupro a reagire e a diventare più forti. Grace faceva, e fa tutt’ora, dei ritratti alle donne che sono sopravvissute alle aggressioni, in piedi con il viso coperto da un cartello bianco sul quale appare una frase scelta tra quelle pronunciate dallo stupratore. Man mano questo lavoro è diventato sempre più importante, un punto di riferimento per tutti, e la fotografa sul sito dedicato al progetto ha creato una sezione in cui ci sono gli autoritratti che le donne si fanno sole, usando però la stessa formula, quindi cartellone e scritta. Un modo per non mettere limiti a questa comunità, per essere vicine e sostenersi a vicenda, per urlare la sofferenza e lasciarla andare. Le frasi sui cartelloni sono davvero pesanti, frasi che probabilmente rimbombano nella testa di chi le ha sentite, frasi impossibili da dimenticare come: “Me lo hai chiesto tu“, o “Non ti preoccupare, sono pulito” o “Non è mai successo“. A volte con il viso coperto, altre scoperto, queste donne usano l’arte e la fotografia per guarire, per stare meglio, per immaginare una vita più leggera.Nel sito è stata aggiunta anche una sezione anonima in cui è possibile lasciar delle testimonianze che tutti possono consultare, non mancano i contatti per denunciare uno stupro e per ricevere assistenza telefonica dopo la violenza."articolo scritto da: Serena Vasta – mercoledì 25 settembre 2013 – ClickBloghttp://projectunbreakable.tumblr.com/

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.