«Quando spariscono le foreste, anche la vita se ne va»

«Quando spariscono le foreste, anche la vita se ne va». Seguendo questo slogan i creativi indiani Ganesh Prasad Acharya e Kaushik Katty Roy hanno realizzato una campagna pubblicitaria molto forte che mostra in maniera esplicita come la vita delle foreste pluviali sia strettamente legata a quella degli animali.

Le immagini rappresentando il corpo degli animali tagliato come il tronco degli alberi (testi a cura di Beatrice Montini, foto Sanctuary Asia).

Immagini che rendo esplicito il concetto della strettissima correlazione tra distruzione degli habitat naturali e morte degli animali che li abitano: in questo caso leopardi, gorilla, serpenti, rapaci (foto Sanctuary Asia)

Il problema della distruzione delle foreste pluviali va dall’America Latina all’Indonesia. In Malesia e Indonesia una della principali cause della deforestazione è la produzione di olio di palma utilizzato su vastissima scala a livello industriale sia per la produzione di cibi che di altri svariati prodotti (saponi ma anche carburanti). Secondo uno studio pubblicato nel 2013 su Nature, per lasciare terreno alle coltivazioni di palma da olio, dal 2000 al 2012 l’Indonesia ha perso 60 mila chilometri quadrati di foreste vergini e dal 2012 la deforestazione indonesiana ha superato quella brasiliana (Epa)

Anche la deforestazione dell’Amazzonia continua. Negli ultimi 50 anni la foresta pluviane, principale “polmone verde” del pianeta, ha perso un quinto della sua superficie . Tuttavia, secondo i dati forniti dal governo brasialiano, il processo di deforestazione nel 2014 avrebbe registrato una diminuzione del 18% rispetto al 2013 (Reuters)

fonte articolo: corriere.it

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.