Ruins – Chronicle of an HIV witch-hunt [HD]

Sono le cinque di mattina dell’aprile del 2012. Katerina ha fame, decide di uscire a comprare qualcosa. Dopo qualche passo nella brezza mattutina della capitale greca, Katerina si ferma al semaforo. Una macchina della polizia si accosta. «Dove credi di andare?», domanda il poliziotto. «Sto andando a comprare del pane», risponde Katerina. «No, non ci stai andando. Tu vieni con noi. Dobbiamo controllarti i documenti. Poi potrai andare a comprare il pane». Katerina non è troppo preoccupata. La polizia controlla spesso i documenti per cercare i migranti irregolari. Lei è greca: non ha nulla da temere. Almeno in teoria. Dentro la stazione di polizia –un luogo che lei conosce fin troppo bene, visto che è stata portata lì dentro più volte per «possesso di droga» – il poliziotto che l’aveva fermata la rassicura: «Non c’è nulla da temere. Faremo un test veloce per vedere se hai l’Aids, poi potrai tornare a casa». L’ultima volta che Katerina si era sottoposta al test, le circostanze erano nettamente diverse. Ci era andata da sola, volontariamente, dietro il suggerimento di un assistente sociale. Il test era risultato negativo. Ora la donna si trova in uno scantinato, osservata a vista da due agenti. Quando la luce rossa del macchinario si accende, il poliziotto le comunica l’esito con fredda brutalità: «Hai l’HIV». Salvo poi aggiungere: «Devo arrestarti».

La storia di Katerina è raccontata in Ruins – Chronicle of an HIV witch-hunt. Il documentario – realizzato da Zoe Mavroudi, Theodora Oikonomides (@IrateGreek su Twitter), Omnia Tv e la rivista Unfollow – si concentra appunto sulla caccia alle streghe lanciata dal governo greco poco prima delle elezioni del 2012.

support the women’s legal battle, click here: http://ruins-documentary.com/en/donate/

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.