STATV’ATTIND – Cocò D’Indaville per Taranto

Scritta e cantata da Cocò D’Indaville

Liberamente ispirata a "E lu menestre Colombe" di Giuseppe Miriello (registrazione del 1963) addetto cantoniere, cantastorie, militante comunista materano.

Dedicato a tutti i tarantini che hanno imparato "a leggere e a scrivere" e si ribellano a 50 anni di soprusi e violenza legalizzata.

Grazie a tutti coloro che hanno pubblicato e messo a disposizione in internet il proprio materiale fotografico.

Musica e video realizzati in collaborazione con Nonno Seduto – Bo

E lu ministro Clini

SuS all’ilva ave’ fatt’ pruggett’

Mo Se ne ste scenn’ a tard

Cu n’otr e ddo’ bell’ "gabinett’"

Lu presidend vendola

Ste Ve’arret com’u sucar

S’ha pigghiat’l’megghie vote

E Po’ n’ha vennut’ p’ trenta denare

Ma statv attind’ vu d’ a popolazzion

Mbaratv a lesc e a scriv p’ defenderv da u patron

Riva archinà e cumbagne,

Se penzavn d’sta secure

Fin’e quann patrizia todisco

No l’have mis mbaccia a nu mure

Ma statv attind’ vu d’ a popolazzion

Mbaratv a lesc e a scriv p’ defenderv da u patron

Mo’ dop’ a tand scirocc

A tard ste’sona a camban’

Svegghiatev tutt’quand

Ca mo’ iè vind de tramundan’

E statv attind, vuie tutt’l’ patrun

N’amm mbarat de lesc è scriv

P’v’mannà a sce’ cogghie mellun

N’avit’accis l’mammm,

l’figghhie l’attan e l’nonn

N’avit levat u mar,

Cu’ l’ pisc’ le cozz’ e l’onn.

Ma stat’v attind, sime semb cchiù fuert

Na città ca se ste’ arrvueta

Cu’ Le vive abbracciat’ a lle muert

Ma stat v’ attind, ca st’apecar è piccenna

Ma ce ret ve’ tutta Tarde,

Par’ cchiù grann’ d’u punta penna

******

Ed il ministro Clini, che sull’ilva aveva molti progetti, ora sta scendendo a Taranto con altri due bei gabinetti.l presidente vendola, che va all’indietro come il cordaro, si è preso tanti bei voti, ma poi ci ha venduti per trenta denari.

Ma state attenti, voi della popolazione. Imparate a leggere e scrivere per difendervi dal padrone.

Riva, Archinà e compagnia, Credevano di stare al sicuro. Fino a quando Patrizia Todisco non li ha messi faccia al muro.

Ma state attenti, voi della popolazione. Imparate a leggere e scrivere per difendervi dal padrone.

Ma dopo tanto scirocco a Taranto ora sta suonando la campana. Su svegliatevi tutti quanti, che ora il vento è di tramontana.

Ma state attenti, voi, tutti i padroni, abbiamo imparato a leggere e scrivere per mandarvi a raccogliere meloni (a quel paese…).

Ci avete ucciso le mamme, i figli, i padri, i nonni. Ci avete tolto il mare con i pesci, le cozze e le onde.

Ma state attenti! Siamo sempre più forti, una città che si sta ribellando con i vivi abbracciati ai morti. State attenti! Questa apecar è piccola, ma se dietro a lei marcia tutta Taranto, sembra ancora più grande del ponte Punta Penna.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.