Storie di Innovazione sociale: Pedius – Sordità, voce ed autonomia

Sono 10 le startup di innovazione sociale tra le 100 migliori startup italiane del 2014 pubblicate nell’ebook di StartupItalia! e scelte da Riccardo Luna per costruire un ampio quadro di chi in Italia fa innovazione e impresa.  A partire da oggi vogliamo condividere i materiali e le loro storie, perché far conoscere chi in Italia, in questo momento, ci sta provando a cambiare l’esistente ci sembra un’ottimo esercizio!

Iniziamo con Pedius che è un sistema di comunicazione che consente alle persone sorde di effettuare normali telefonate utilizzando le tecnologie di riconoscimento e sintesi vocale. In sostanza trasforma i messaggi di testo, digitati sul cellulare da una persona sorda, in messaggi vocali che chiunque può ricevere e ascoltare sul proprio telefono.

Si chiamava Quintus Pedius, viveva all’epoca di Giulio Cesare, ed è la prima persona sorda di cui rimane traccia negli archivi storici. Non potendo studiare ed esprimersi con le parole, per via della sua menomazione, fece il pittore. Chissà come ci rimarrebbe oggi, a scoprire che in suo onore è stata battezzata un’applicazione che consente anche ai non udenti di dialogare per telefono, trasformando la voce in stringhe di testo.

Pedius è un’app creata da un team italiano fondato da Lorenzo Di Ciaccio, ingegnere informatico poco più di trentenne di Gaeta.

Fonte: StartupItalia!

 

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.