"Io lotterò sempre", scrive uno di loro e dà senso anche alle parole degli altri. UN diario collettivo che non è il libro "Cuore", perché si tratta di pagine amare, urticanti a volte rabbiose. E perché l’hanno scritto ragazzi dall’infanzia molto esposta, ragazzi che sentono di vivere "in un’isola deserta…