The B.Livers – Nuvole di ossigeno, cantano i ragazzi in lotta contro il tumore.

Nuvole di ossigeno, la canzone che dà voce ai ragazzi che lottano contro il tumore.

Il video che state vedendo è stato trasmesso durante il convegno “Io adolescente malato di tumore- l’ospedale che vorrei” organizzato  in occasione della XIII Giornata Internazionale Contro il Cancro Infantile, da FIAGOP, Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica, AIEOP, Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica, e SIAMO, Società Italiana Adolescenti con Malattie Onco-ematologiche.

Un convegno che ha posto al centro dell’attenzione gli adolescenti e il loro forte bisogno di normalità. Un target quello dei ragazzi particolarmente fragile: si tratta infatti pazienti che hanno minori possibilità di accedere ai centri di eccellenza e di essere trattati secondo i protocolli più efficaci. Gli studi più recenti raccontano che un adolescente ha meno probabilità di guarire di un bambino con la stessa malattia. Spesso perché non è curato nel posto giusto o nel modo migliore possibile. “Questa cosa la vogliamo cambiare. Cominciando a farla sapere a tutti” l’intento dichiarato dalla giornata di studio e riflessione.

La canzone, scritta dai ragazzi in cura presso l’Istituto nazionalel dei tumori di Milano, sia  parole che musica, è stata poi arrangiata da Faso e Rocco Tanica di Elio e le Storie Tese.

Il testo di parla di delusione, di confusione, di rabbia, di aiuto, di tutti gli stati d’animo vissuti durante la malattia.

Qui la descrizione del progetto tratta dalla pagina facebook di Nuvole di Ossigeno:

Che succede quando hai 16 anni e ti ritrovi in una corsia d’ospedale a curarti per un tumore? Come trovi le forze per sopravvivere, sperare, reagire, credere che ce la farai e un giorno, magari non lontano, sarai fuori di lì, di nuovo padrone della tua vita da adolescente?
Chiedetelo ai The B.Livers, un gruppo di ragazzi curati all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, che hanno messo un po’ delle loro risposte nel brano musicale Nuvole di Ossigeno, realizzato grazie alla regia di Faso.

La canzone, nata quasi per gioco da suoni e parole composti dai ragazzi, si è infine rivelata un modo nuovo di tirar fuori tutta la loro bellezza e creatività, ma anche le loro paure e speranze. Musicisti, medici e ragazzi si sono trovati ed emozionati in un percorso durato sette mesi ed hanno realizzato anche un videoclip, a cura della casa di produzione On Air.

“Questa canzone è una strana invenzione – racconta Faso -. L’hanno composta alcuni giovani pazienti dell’Istituto dei Tumori con un metodo un po’ particolare: ognuno di loro ha intonato qualche nota inventando liberamente, ognuno di loro ha scritto parole, frasi, emozioni ed immagini che raccontano la propria esperienza. Nessuno di loro è un cantante professionista e l’unico successo che inseguono è vincere la battaglia con la malattia. Io ho avuto l’onore di raccogliere tutto questo materiale e cercare di farlo confluire in una cosa sola. Grazie all’aiuto di Paola Folli e dei miei compagni di band Rocco Tanica e Cesareo, adesso è possibile ascoltarla.”

“Visto l’ottimo risultato finale a livello musicale abbiamo pensato di sfruttare il brano anche per attirare l’attenzione sul problema della qualità delle cure che ricevono gli adolescenti malati – dice il dottor Andrea Ferrari, responsabile del progetto e della Commissione Adolescenti dell’Associazione Italiana Ematologia Oncologica Pediatrica –. E’ un modo nuovo di superare, tutti insieme, gli ostacoli che impediscono ai teenager di avere le stesse chances di guarigione di bambini e adulti e l’accesso alle cure migliori. Infine, Nuvole d’ossigeno racconta la storia di nostri ragazzi ma anche la storia del Progetto Giovani dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano: un’idea nuova di cura, in cui al centro non c’è la malattia, ma l’adolescente, con la sua normalità e i suoi bisogni particolari, in cui i medici riescono a parlare con i ragazzi usando il loro linguaggio, la musica, facebook e youtube, per esempio.”

Nuvole di ossigeno è stata realizzata in collaborazione con Fondazione Magica Cleme e Associazione Bianca Garavaglia all’interno del progetto “Il tempo magico” che da due anni organizza attività per ragazzi adolescenti in cura all’istituto dei tumori. I proventi del cd, che sarà scaricabile da Itunes dal 10 dicembre e in vendita negli store Feltrinelli da fine gennaio, saranno utilizzati per finanziare nuovi progetti per i ragazzi malati.

“Le competenze artistiche si sono fuse con la forza e i potenti stati d’animo dei ragazzi, per creare una canzone unica e speciale” dice Bill Niada fondatore insieme alla moglie Emilia Sada di Magica Cleme, che l’anno scorso aveva contribuito a realizzare (sempre in collaborazione con un gruppo di ragazzi e medici dell’Istituto dei Tumori di Milano) una collezione di moda con il nuovo marchio B.Live, creato sotto la guida creativa della stilista Gentucca Bini e la collaborazione di molti altri professionisti.

Scritto e cantato da: Alessandra, Alessia, Alessandro, Camilla, Diego, Eeleonora, Federica, Gabriele, Giada, Isabella, Maryna, Matteo, Mauro, Megi, Mirko, Thomas, Valeria

Con la partecipazione di:

Faso: basso/chitarra ritmica e acustica/progr. batteria
Cesareo: chitarra solista
Rocco Tanica: tastiere
Paola Folli: cori
Daniele Lanzara: editing e recording

Videoclip:

Marco Uberti: regia/riprese/montaggio
Claudia Rosa: riprese
Nadia Frascella: riprese
Antonio Losa: aiuto operatore
Serena Tancredi: playback
Lorenzo Ameri: color grading

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.