“Tutti per tutti” i volti del volontariato – il primo archivio online italiano

Tanti per Tutti” è l’archivio online che raccoglie 1.400 immagini selezionate con l’intento di raccontare i volti dei volontari italiani.

Un  “viaggio nel volontariato italiano”  il progetto promosso da Fiaf (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) e CSVnet (Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato) che coinvolge 700 fotografi, oltre 10 mila scatti, un libro e un archivio online.

Il progetto si pone come la prima iniziativa capillare di documentazione fotografica del volontariato mai realizzata in Italia per raccontare la vita delle associazioni, illustrare le loro iniziative, mostrare i luoghi di incontro e presentare le tantissime attività promosse dai milioni di volontari del nostro paese, oltre che presentare i loro volti, personalità, emozioni.

Sabato 11 giugno presso il Centro Italiano della Fotografia d’Autore a Bibbiena (AR) ci sarà l’inaugurazione – seguita da una festa – di una mostra nazionale delle fotografie più significative del progetto. In contemporanea verranno inaugurate oltre 150 mostre locali in tutta Italia.  

A Bibbiena sarà inoltre presentato il libro fotografico che contiene circa 1.400 scatti selezionati da tutti i progetti coinvolti. Entro il mese di giugno andrà invece online il portale web che raccoglie e mette a disposizione di tutti oltre 1.400 fotografie selezionate. Si tratta del primo archivio fotografico online del volontariato.

“Tanti per Tutti”  è un viaggio da nord a sud – dalla Lombardia alla Sicilia – dai grandi ai piccoli e piccolissimi centri.

Dall’aiuto ai disabili all’assistenza ai profughi e agli stranieri in situazioni difficili; dalle iniziative per i poveri, gli emarginati e le famiglie colpite dalla crisi economica alla cura e soccorso degli animali; dalle attività per la tutela dell’ambiente e degli ecosistemi al sostegno agli anziani con forme di assistenza e vicinanza; dalle tante iniziative fatte per lo più dalle donne per le donne in difficoltà (ragazze madri, straniere, vittime di violenza…) alle grandi realtà sociali che connotano il nostro paese, come la Croce Rossa, la Protezione Civile o il mondo di AVIS e dei donatori di sangue.

Fonte: http://www.redattoresociale.it/

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.