Un’altra via d’uscita – Daniele Sepe

“Un’altra via d’uscita” è il primo videoclip a cartoni animati sul Commercio Equo e Solidale, prodotto da Pangea. Il videoclip intende essere uno strumento nuovo, efficace e positivo, per una comunicazione immediata delle idee che stanno alla base del Commercio Equo. Il linguaggio usato è diretto e coinvolgente, la musica è un allegro raggamuffin composta dal musicista napoletano Daniele Sepe. Attraverso le originali immagini del cartone animato e il ritmo trascinante che le accompagna, “Un’altra via d’uscita” sottolinea in maniera semplice alcuni concetti chiave, a volte di difficile comprensione, purtroppo alla base del commercio internazionale tradizionale (l’iniqua formazione del prezzo dei prodotti provenienti dai Paesi Economicamente Meno Sviluppati, la violazione dei diritti umani, economici e sociali, perpetrati dalle grandi società multinazionali nei confronti dei produttori del Sud del mondo, ecc.). Per fortuna, però, nella vita, c’è sempre “un’altra via d’uscita”, la proposta concreta cioè del Commercio Equo e Solidale e l’alternativa offerta dalle Botteghe del Mondo. Il videoclip è un prodotto estremamente fruibile, destinato ad un pubblico vario (bambini, giovani, adulti), particolarmente funzionale per gli interventi da realizzare nelle scuole nonché per l’attività di sensibilizzazione e di educazione allo sviluppo svolta normalmente dalle Botteghe, dalle ONG e da altre realtà dell’economia sociale.

Testo della canzone:

Dario Iacobelli — Daniele Sepe

Per un anno il campesino sulla terra zappò

E il raccolto una mattina al mercato portò

Cotone banane cacao e caffè

Dopo un anno di lavoro quanto pensi gli hanno dato

Tre solo tre di pesos solo tre

Dopo un anno di lavoro di pesos solo tre

panama stivali faccia bianca e lavata

parla inglese chi ha comprato il caffè

cotone banane cacao e caffè

per un ora di lavoro quanto pensi gli hanno dato

tre mila pesos mille per tre

un ora di lavoro e mille pesos per tre

cotone banane cacao e caffè

per cambiare continente impiegano un mese

tre milioni al grossista fvancese

ci metton due secondi con il world wide web

C’è l’ industriale che urla incazzato

"Meno operai! Siamo fuori mercato!"

Poi guarda il rolex , s’è già fatto tardi

e torna alla sua villa di svariati miliardi.

3000 pesos non bastano più

si parte da un milione e si va sempre sù

di tutto quel caffè ora un chicco soltanto

Costa più del campesino del raccolto e del campo

c’ è un esperto che arriva da Calais

si studia attentamente il nostro chicco di caffè

"Con l’uso biogenetico di un forte lucidante

lo rendo un pò dannoso ma più accattivante

Per lo spot serve una grande attrice

che canta balla ride e fa la presentatrice

vola su chicchi che sembrano proprio veri

e ha avuto un assegno con circa sette zeri

L’ esporatore è sempre più ricco

Il grossista fvancese è semve più vicco

L’ industriale incazzato è più rilassato

L’ esperto di Calais non beve più caffè

Manager attrici registi e banchieri

Tutti più felici e più ricchi di ieri

ma tutto il lavoro del campesino

Sempre quei tre pesos e di mancia un soldino.

Ma In questo pianeta la giusta convenienza

E’ rendere la gente più felice con coscienza

una parte del mondo da anni è rapinata

Da gente che di questo non ne vuol sapere niente

Da gente che pensa che ha molta più importanza

L’ andamento delle borse e non quello della mente.

Ma per fortuna in ogni cosa della vita

Puoi cercare un’altra via d’uscita.

Un altro campesino per un anno ha zappato

S’ è alzato presto e non è andato al mercato

Qualcun altro senza panama ha incontrato

Qualcuno che se paga paga quel che ha lavorato

E sa che un’ ora ha lo stesso valore

Se sei un contadino o un illustre scrittore

Ha incontrato le botteghe del mondo

Che pagano il lavoro al suo prezzo giusto e tondo

Fuori dalla legge di un mercato brutale

Per uno scambio più equo e solidale.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.