Vedova Schifani al funerale di Falcone

25 Maggio 92 Palermo: Rosaria Costa, vedova ventiduenne dell’agente di scorta Vito Schifani grida il suo urlo straziante nella chiesa di San Domenico "io vi perdono, ma vi dovete mettere in ginocchio". Ha una piccola storia, il discorso di Rosaria Costa: un antefatto che spiega come poi, una volta sul leggio, la donna si sia interrotta, contraddetta ripetuta, mentre accanto a lei, sotto le telecamere della tv, un sacerdote le avvicinava e le allontanava il microfono dalla bocca quasi a impedire troppe digressioni, a fare in modo che quel messaggio non perdesse del tutto l’originaria impronta di speranza. Era stata scritta l’altra sera, quell’invocazione, su un foglietto della chiesa di San Domenico. Rosaria Costa e un suo cugino, don Cesare Rattoballi, parroco a Palermo, l’avevano buttata giù a fatica, col prete che tentava di convincere la ragazza a mettere da parte il dolore, a dimenticare la voglia di vendetta. Poi, una volta in chiesa, dinanzi a quelle bare, seduta accanto all ingessatura di Giuseppe Costanza, l’agente sopravvissuto, a un passo dalle madri e le mogli degli altri uccisi, Rosaria ha improvvisato. Avrebbe dovuto rivolgersi agli uomini della mafia invitandoli a ravvedersi. Ma alzando gli occhi ha aggiunto: Ce ne sono anche qui dentro… . Avrebbe dovuto limitarsi a dire: "Anche per voi c’è possibilità di perdono", ma poi ha tenuto la mano del prete che voleva allontanarle il microfono e ha continuato "Io vi perdono, ma dovete inginocchiarvi…" Il sacerdote che le era accanto era il cugino, proprio l’uomo cui era stato affidato il compito di pilotare la disperazione di una giovane vedova. Al termine, mentre gli applausi scrosciavano, lei e scoppiata a piangere, ha abbracciato il sacerdote, poi è svenuta. [fonte:http://elenconotizie.com/?azione=notizia&id=17336]L’anno successivo la tv ha presentato il film su Falcone preceduto da una pubblicità insistente. Riproposto in continuazione dalle reti televisive sostenne la vedova, mortifica, svilisce e riduce a una sorta di " carosello" un atto carico di dolore e di rabbia come la preghiera di quel giorno terribile. La giovane donna, che ha 23 anni ed e stata assunta dalla Regione come altre nelle sue condizioni in virtu della legge antimafia che assicura assistenza ai congiunti delle vittime delle cosche, fra l altro si dice preoccupata che la gente possa credere che abbia ricevuto soldi per apparire nello spot.Nel settembre 2007 lo Stadio delle Palme di Palermo è stato a lui intitolato, in quanto, oltre ad essere un agente, Schifani era un promettente atleta, specialista nei 400 metri.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.