“Aguas de Oro”: la storia di Maxima Acuña Chaupe

“Aguas de Oro” è il titolo del reportage di Simona Carnino – primo premio al Dev reporter grant – e narra la storia di una contadina peruviana in lotta contro la multinazionale Yanacocha, che ha conquistato terreni e strade di un’intera comunità. Tranne i suoi 24 ettari farciti d’oro.

Maxima Acuña Chaupe ha rughe profonde, una piccola statura e una volontà granitica. Vive a 4200m nelle Ande peruviane e nel cuore di Conga, il progetto di espansione di Yanacocha, la miniera d’oro più grande dell’America Latina, proprietà della società statunitense Newmont.
Maxima ha un sogno. Continuare a vivere tra le sue montagne.
Anche Yanacocha ha un sogno.  Accaparrarsi le terre di Maxima necessarie all’espansione.
In gioco non ci sono solo interessi personali, ma la sopravvivenza dell’ecosistema andino.
Ed è per questo che Maxima non lascia la sua terra, nonostante le violenze fisiche e psicologiche che subisce quotidianamente.

Per il reportage completo: http://www.aguasdeoro.org/

Per ulteriori informazioni sul reportage: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/493772/La-resistenza-di-Maxima-nella-piu-grande-miniera-d-oro-dell-America-Latina

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.