Il Giullare

FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO CONTRO OGNI BARRIERA Il nostro sito web: www.ilgiullare.it Il Giullare: il buffone di corte, lo sbeffeggiatore di re e signori potenti,ma sempre e comunque un diverso, di solito appartenente ad un ceto povero e quindi un disagiato economico, sociale e con un pizzico di follia. La follia, il disagio, l’emarginazione, la diversità appartengono ad una schiera di persone portatrice di grandi valori, risorse e capacità che spesso non trovano luoghi, spazi e occasioni. Nel 2000, presso la casa d’accoglienza per adulti svantaggiati della nostra associazione, un gruppo di giovani volontari lanciarono una sfida: creare uno spettacolo teatrale con gli ospiti della casa d’accoglienza e con le persone segnalate dal Centro di Salute Mentale di Trani con cui era partito un progetto di attività diurne. Davanti all’incredulità di quanti conoscevano queste persone solo come “utenti”, si è aperto un commosso e per certi versi sconvolgente “mondo del possibile”. Venne portato in scena “Il giullare” il cui sottotitolo - il disagio che mette a disagio - è stata una piacevole intuizione di uno degli ospiti. Ed è in quel “mondo del possibile”, nel quale crediamo e nel quale vorremmo abitare che abbiamo pensato a questo festival. Un progetto che ha già visto una sua prima edizione nel 2008 in quanto è tra i primi dieci progetti in tutta Italia approvati a seguito del bando di assegnazione degli utili della Lotteria "FIABA per una vita solidale", raggiungendo una serie di risultati insperati tra cui la partecipazione costante di circa 500 spettatori a serata. La seconda edizione invece cambia ente promotore, in quanto il progetto risulta il primo tra i dieci approvati nel Bando di Progettazione Sociale 2008 emanato dal Centro Servizi al Volontariato San Nicola di BARI. Un progetto che ospita compagnie teatrali, associazioni, persone che come noi, credono nell’uomo e nella sua capacità di stare insieme oltre ogni etichetta, barriera o muro e ogni giorno “osano” scommettere e sfidare una società che troppo spesso è disattenta nei confronti di questi cittadini. Il Presidente dell'Associazione Promozione Sociale e Solidarietà Don Mimmo De Toma Le motivazioni e gli obiettivi del festival La storia ci racconta che la figura del Giullare tradizionalmente era relegata al matto di corte ad un diverso, che in virtù della sua condizione di follia e di diversità poteva prendersi beffa e burla dei potenti, dei ricchi, dei Re. Il folle, il diverso, l’uomo ha un primo vero grande bisogno: il raccontarsi e raccontare, che è bisogno di relazione, di comunicazione, di dialogo e di espressione. Il raccontarsi è il comunicare la propria storia, è il cercare qualcuno che ascolti, è descrivere emozioni, vissuti, esperienze, è relazionarsi; il raccontarsi è tirare fuori quella parte di sé che si tiene nascosta, di cui a volte si ha paura; il raccontarsi è anche svelare i limiti di chi si ha di fronte, è aprire dei varchi nei muri e nelle barriere che una città, che un paese e che una società alzano per difendersi dalla verità schiacciante di chi non vale, di chi non ha nulla. E’ questo il senso dell’intero festival, un’idea che sappia trasformarsi in sfida e che sia lostimolo a cambiare punti di vista e a considerare il mondo della diversa abilità un mondo di pari dignità culturale, turistica, artistica, sociale, comunicativa, umana. Un idea che come non mai è stata capace nella prima edizione di mettere insieme tante realtà sociali locali e nazionali animate dal comune spirito, dal coinvolgente entusiasmo e da una condivisione di idee, preoccupazioni, soluzioni al solo fine di offrire una occasione reale di integrazione al nostro territorio.

Il Giullare

FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO CONTRO OGNI BARRIERA Il nostro sito web: www.ilgiullare.it Il Giullare: il buffone di corte, lo sbeffeggiatore di re e signori potenti,ma sempre e comunque un diverso, di solito appartenente ad un ceto povero e quindi un disagiato economico, sociale e con un pizzico di follia. La follia, il disagio, l’emarginazione, la diversità appartengono ad una schiera di persone portatrice di grandi valori, risorse e capacità che spesso non trovano luoghi, spazi e occasioni. Nel 2000, presso la casa d’accoglienza per adulti svantaggiati della nostra associazione, un gruppo di giovani volontari lanciarono una sfida: creare uno spettacolo teatrale con gli ospiti della casa d’accoglienza e con le persone segnalate dal Centro di Salute Mentale di Trani con cui era partito un progetto di attività diurne. Davanti all’incredulità di quanti conoscevano queste persone solo come “utenti”, si è aperto un commosso e per certi versi sconvolgente “mondo del possibile”. Venne portato in scena “Il giullare” il cui sottotitolo - il disagio che mette a disagio - è stata una piacevole intuizione di uno degli ospiti. Ed è in quel “mondo del possibile”, nel quale crediamo e nel quale vorremmo abitare che abbiamo pensato a questo festival. Un progetto che ha già visto una sua prima edizione nel 2008 in quanto è tra i primi dieci progetti in tutta Italia approvati a seguito del bando di assegnazione degli utili della Lotteria "FIABA per una vita solidale", raggiungendo una serie di risultati insperati tra cui la partecipazione costante di circa 500 spettatori a serata. La seconda edizione invece cambia ente promotore, in quanto il progetto risulta il primo tra i dieci approvati nel Bando di Progettazione Sociale 2008 emanato dal Centro Servizi al Volontariato San Nicola di BARI. Un progetto che ospita compagnie teatrali, associazioni, persone che come noi, credono nell’uomo e nella sua capacità di stare insieme oltre ogni etichetta, barriera o muro e ogni giorno “osano” scommettere e sfidare una società che troppo spesso è disattenta nei confronti di questi cittadini. Il Presidente dell'Associazione Promozione Sociale e Solidarietà Don Mimmo De Toma Le motivazioni e gli obiettivi del festival La storia ci racconta che la figura del Giullare tradizionalmente era relegata al matto di corte ad un diverso, che in virtù della sua condizione di follia e di diversità poteva prendersi beffa e burla dei potenti, dei ricchi, dei Re. Il folle, il diverso, l’uomo ha un primo vero grande bisogno: il raccontarsi e raccontare, che è bisogno di relazione, di comunicazione, di dialogo e di espressione. Il raccontarsi è il comunicare la propria storia, è il cercare qualcuno che ascolti, è descrivere emozioni, vissuti, esperienze, è relazionarsi; il raccontarsi è tirare fuori quella parte di sé che si tiene nascosta, di cui a volte si ha paura; il raccontarsi è anche svelare i limiti di chi si ha di fronte, è aprire dei varchi nei muri e nelle barriere che una città, che un paese e che una società alzano per difendersi dalla verità schiacciante di chi non vale, di chi non ha nulla. E’ questo il senso dell’intero festival, un’idea che sappia trasformarsi in sfida e che sia lostimolo a cambiare punti di vista e a considerare il mondo della diversa abilità un mondo di pari dignità culturale, turistica, artistica, sociale, comunicativa, umana. Un idea che come non mai è stata capace nella prima edizione di mettere insieme tante realtà sociali locali e nazionali animate dal comune spirito, dal coinvolgente entusiasmo e da una condivisione di idee, preoccupazioni, soluzioni al solo fine di offrire una occasione reale di integrazione al nostro territorio.

Informazioni

  • Data di nascita 13/05/1995
Il Giullare è spettacolo teatro ma anche e soprattutto CULTURA e FORMAZIONE! Nelle mattine del 23, 24 e 25 luglio la nostra Cooperativa, i partner e alcune delle compagnie teatrali scelte condurranno laboratori/workshop aperti a tutti per sperimentare piccole tecniche teatrali ad esempio sulla mimica, emozioni, improvvisazione, gestione del corpo, postura…
Musica, danza, clowneria, teatro comico, artisti di strada e laboratori creativi animeranno le suggestive vie del centro storico di Trani in occasione di “Giullarte” la manifestazione che nasce per coinvolgere la città in un percorso in cui l’arte prodotta è l’arte di tutti a prescindere dalle condizioni fisiche e mentali…
4 luglio dalle 16.00 alle 19.00 CASTING DEL VOLONTARIATO – Iniziativa a cura dell’AVIS Trani presso Chiosco 4M (Lungomare Cristoforo Colombo) BALLA CON ME corso di Danceabilty con Laura Banfi. Aperte ancora le iscrizioni. Iniziativa a cura dell’APS Futuro Anteriore e di Tandem Onlus di Bisceglie. Info a: futuroanteriore@gmail.com, info@tandemonlus.org LA SALUTE VIEN…