Avanti (o) Pop!

25 ottobre 2018, 19:00

Dal suo osservatorio critico, Paolo Vincenti torna a liberare il suo commento su fatti di cronaca e di malcostume attraverso una sequenza di articoli di opinione sulle diverse problematiche dei nostri giorni con un linguaggio che gli consente di spaziare dalle citazioni dei classici a quelle dei cantautori
L’insieme dei testi, apparsi su testate giornalistiche salentine e riviste on line nell’arco degli ultimi due anni, costituisce la terza parte di un iter, già iniziato con L’osceno del villaggio, pubblicato da ArgoMenti nel 2016 e poi con Italieni, Besa 2017.
Anche questa raccolta si fa apprezzare per la prosa gradevole, per la ricchezza di informazioni nell’esprimere il proprio dissenso, per lo spessore del sostrato culturale (antico e moderno) a cui fa riferimento l’autore nell’approfondire le problematiche socio-politiche attuali e nel delineare vizi e difetti del “bestiario umano”.

 

Introduce: Roberta Forte

Dialoga con l’autore: Riccardo Buffelli

Con la partecipazione straordinaria del Maestro Antonio Mele – Melanton

Interventi musicali: Michele Bovino canta Guccini

Biografia dell’autore
Paolo Vincenti, giornalista e scrittore, vive e opera in provincia di Lecce. Suoi testi sono presenti su svariate riviste salentine e su molte testate on line. Ha pubblicato, fra gli altri: “L’orologio a cucù (Good times)”, I poeti de L’uomo e il Mare 2007 – “Danze moderne (I tempi cambiano)”, Agave Edizioni 2008 – “Di tanto tempo (Questi sono i giorni)”, Pensa Editore 2010 – “La bottega del rigattiere”, Lupo editore 2013 – “NeroNotte. Romanza di amore e morte”, Libellula edizioni 2013 – “L’una e due”, Edizioni La Fornace 2014 – “L’ombra della madre”, Kurumuny Editore 2015 – “L’Osceno del Villaggio”, ArgoMENTI Edizioni 2016 – “Italieni”, Besa Editore 2017

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.