C’erO una volta | Laboratorio di Scrittura e Lettura Creativa | Levèra

Giorno 1 _ nelle scritture degli altri: “Una scarpa è quello che è rimasto dell’uomo scomparso ieri/ quanta strada può aver fatto un uomo con una scarpa sola?/ Nessuno lo reclama.” (di Dino Palumbo)

Giorno 2 _ nelle scritture degli altri: “C’occore e te po’ n’at ancor/ e mo tu te ne vaje?/ addò vaje? Statte n’ata ora/ Chest’ore senza e te so tutte eguale/ num sanne ‘e poche/ E quanne steveme nziem io stritt forte a te e tu na sore/ na mamma na zia o cchiù grande ammor/ si ammore se po’ truvà rinte ‘e parole.” (di Ferdinando Cacciuottolo)

Giorno 3 _ nelle scritture degli altri:
“Siedi accanto/ mi parli accanto/ ci amiamo senza neanche guardarci” (di Stefania Tundo)
“Strada polverosa/ guardo la torre/ appare un’isola” (di Dino Palumbo)
“L’addor e mar/ o cor a mill all’or/ tu miezz ì cosc me’, facimm ammor” (di Ferdinando Cacciuottolo)
“Correvo, pensavo: non ce la faccio più/ Ho vinto: finalmente posso cadere” (di Anita Rossetti)
“Quattordici quaderni scampati al macero/ è il mio risarcimento per quei suoni sublimi” (di Antonio Mellone)
“Chiudi il finestrino, tanti anni fa/ ho ancora caldo” (di Mario Guerra)
“I miei occhi sui tuoi occhi sul mondo/ un padre meno due madri/ fest e paes, musica: Aizat!/vertigine vergine, sconosciuto angelo/ azzurro a braccia aperte, d’oro rubato/ ma ce l’abbiamo fatta insieme, ora puoi scrivere.” (di tutti voi)

Uno dei miei proverbi preferiti me l’ha travasato nel cavo delle mani mia nonna Melina: “Aqquggh l’acq quann chiuv”. Quando piovono le parole degli sconosciuti che attraverso, le raccolgo. A Noha, nei giorni scorsi, ho ricevuto molta pioggia in dono. E continua a piovere dentro. Perché impastare insieme pane e pioggia di parole significa resistere. Restare umani. “Uammamì”, come direbbe ridendo un compagno di scrittura appena incontrato lungo il cammino. Che cosa c’è di più urgente di questo?

Luisa Ruggio

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.