“Cottonforlife”: per un cotone d’Egitto solidale e biologico

Si chiama “Cottonforlife” ed è un progetto nato dalla Filmar – un’azienda di Zocco d’Erbusco in provincia di Brescia – per incoraggiare gli agricoltori della regione di Damietta in Egitto ad adottare metodi di coltivazione più sostenibili. Il progetto è portato avanti grazie alla collaborazione del Governo egiziano e con l’aiuto di Alexbank, del Gruppo Intesa San Paolo. Fondamentale per l’iniziativa risulta il partenariato con le piccole associazioni di contadini, le comunità locali, gli esperti egiziani ed internazionali per rendere il cotone bio una risorsa sostenibile per il Paese.

Il cotone infatti è da sempre la fibra naturale per eccellenza, ma anche quella che vede il massiccio uso di diserbanti e agenti chimici nella sua produzione. Un modello di agricoltura industriale che può essere rifiutato e trasformato.

“Cottonforlife” fornisce assistenza tecnica e formazione ai contadini che vogliano passare alle tecniche ‘ecologiche’.Oltre cento contadini finora sono stati formati dall’ Associazione Egyptian Organic Agriculture sui processi di coltivazione biologica e di trasformazione industriale del cotone. Ma la richiesta è molta e la scuola industriale di Borg El Arab verrà potenziata con il progetto di aule e servizi aggiuntivi che consentiranno l’accesso di un maggior numero di studenti.

Commenti

10 − sette =