La valigia per il viaggio

I dati del Progetto da Marzo a Novembre 2017

ELABORAZIONI DATI DEL PROGETTO “LA VALIGIA DEL VIAGGIO” (DA MARZO 2017 A NOVEMBRE 2017)

Il progetto “La valigia per il viaggio – una rete integrata di servizi a sostegno della famiglia e delle persone con disabilità” è un progetto di rete che vede coinvolti Epass onlus di Bisceglie, Associazione Promozione Sociale e Solidarietà di Trani, Il colore degli anni di Trani, A.Ge di Trani, coordinato da Pegaso onlus e sostenuto da Fondazione con il Sud – Bando Reti 2015.

La rete di progetto accompagnerà la famiglia che convive con la disabilità di uno dei suoi membri, attraverso il suo lungo il viaggio di crescita e cambiamento, fornendo servizi e consulenze specializzate per contenere ansie e paure e vivere al meglio la propria condizione. Tutte le attività di progetto sono totalmente gratuite e gestite da professionisti coadiuvati dal meraviglioso lavoro dei numerosi volontari.

Nel progetto, ogni partner realizza le seguenti diverse attività:

Il progetto è stato avviato a marzo 2017. A conclusione dei primi otto mesi di lavoro, è possibile quantificare i primi risultati raggiunti in termini di partecipanti coinvolti in tutte le attività di progetto, numero dei volontari coinvolti per ogni ente di progetto e monte ore di «lavoro volontario» dedicato.

I dati su riportati sono in linea con quanto previsto dal progetto. in alcuni casi, l’utenza che avrebbe voluto avvalersi delle attività/servizi è risultata superiore rispetto a quanto ipotizzato.

Il progetto «la valigia per il viaggio» intende dare la meritata visibilità al mondo del volontariato, eseguendo una prima raccolta ed elaborazione dei dati inerenti al flusso dei volontari coinvolti nelle attività di progetto e al tempo che essi stessi hanno deciso di donare al progetto.

Registriamo un dato sorprendente relativo al monte ore totale di «lavoro volontario» effettivamente svolto nei primi otto mesi di progetto, sommando quello di tutti i quattro partner attivi (il quinto è in fase di organizzazione delle proprie attività). In fase di progettazione avevamo previsto un monte ore di «lavoro volontario» pari a 100.
Il grafico riporta un risultato eccellente:

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.