DON-GO

Don-Go è il primo sistema di sicurezza wireless per stoppare le morti dei bambini dimenticati in auto da soli. Purtroppo ogni anno più di 2000 bambini vengono dimenticati in macchina da soli, questo per colpa del troppo stress che i genitori subiscono al giorno d’oggi.

A pensare ad una soluzione innovativa ed ingegnosa per non scordare più i bimbi in auto sono stati tre giovani: il 26enne tranese Claudio Cuccovillo, la coratina Luisa Ferri e la pescarese Benedetta Caputi, entrambe di 24 anni. A loro in un secondo momento si è aggiunto anche il 29enne Salvatore Saldano di Busto Arsizio ma di origine calabrese.

Il progetto si chiama “Don-Go”, nome che ricorda l’espressione inglese “don’t go”, cioè “non andare”.

Al fine di rintracciare i fondi necessari per poter avviare la produzione definitiva e metterla in commercio, verrà avviata dal giorno 25 novembre una campagna di crowdfunding su #Kickstarter.

«Per adesso è stato realizzato un prototipo con “Arduino”, ma i costi di produzione sono elevati» spiegano gli sviluppatori della app «Così, non avendo finanziatori che ci sostengono, il 25 novembre lanceremo una campagna di “crowdfunding” su “Kickstarter” in modo da ricavare i fondi necessari per produrre il dispositivo anche su larga scala e magari poterlo rendere uno standard su tutti i seggiolini. Chi donerà farà un investimento e potrà ricevere il dispositivo in anticipo rispetto agli altri. “Don-Go” sarà anche “open source”, cioè chiunque potrà collaborare a migliorarlo. Chi vorrà potrà anche farsi inviare il kit e assemblare da solo il congegno. Visto che si tratta di una problematica diffusa in tutto il mondo, vogliamo tradurre il progetto in più lingue».

 

Commenti

17 + due =