Femminicidio: analisi e prospettive di contrasto

27 ottobre 2017, 17:00 - 20:00

FEMMINICIDIO: CAUSE E PROSPETTIVE DI CONTRASTO

Verso il 25 novembre – giornata di mobilitazione nazionale di NON UNA DI MENO contro la violenza sulle donne!

La violenza patriarcale non può essere narrata solo dalla narrazione di cronaca nera mainstream.

Non si tratta di casi isolati, nè di pazzi, come spesso vogliono farci credere, ma di un fenomeno che riguarda tutt* noi ed il modo in cui quotidianamente viviamo. L’omicidio di Noemi, 16enne pugliese, ad opera del fidanzato ci ha dimostrato con ancor più forza che i luoghi della formazione devono avere un ruolo nella costruzione di una analisi sulle matrici sociali della violenza a partire dal contrasto agli stereotipi di genere, alle relazioni di potere ed alla promozione dell’educazione sessuale ed alle differenze. Il fatto che non si tratti di casi isolati o di situazioni deviate, ma di un intero sistema fondato su rapporti di potere in ogni aspetto della nostra vita, ci è recentemente stato dimostrato anche dalla diffusione dell’hashtag #METOO, che ha portato alla luce migliaia di storie di ordinari abusi, rivelando la portata di un fenomeno tanto diffuso quanto sottovalutato come quello delle molestie e della violenza quotidiana. Queste testimonianze dimostrano come questo tipo di violenza, che trova nel femminicidio la sua massima manifestazione, affondi le proprie radici in un contesto socio-culturale che risponde ai rigidi schemi dettati dal patriarcato a partire dai nostri percorsi formativi, alle nostre condizioni di lavoro, alle modalità con cui si articola ed è vissuto lo spazio cittadino, alla volontà di controllo sui nostri corpi.
Crediamo che sia fondamentale affrontare una tematica simile all’interno dell’università pubblica, alla luce della funzione sociale che è tenuta a svolgere, per analizzare insieme come si articola la violenza nelle sue diverse forme e soprattutto come combatterla giorno dopo giorno. In un Paese con il numero di femminicidi che cresce di giorno in giorno, durante lo scorso anno, grazie a Non Una di Meno, le donne hanno invaso le strade a partire dal 26 novembre fino alle mobilitazioni dell’8 marzo: è l’ora di continuare insieme!

Il progetto sarà articolato in tre appuntamenti, e cercherà di affrontare il tema del femminicidio analizzandone cause e sviluppi storici e culturali. Ascolteremo poi le testimonianze di chi si impegna in prima persona nel tentativo di destrutturare il sistema patriarcale che è alla basa della violenza di genere.

————————–——–

PROGRAMMA

● 25 OTTOBRE ●
H17 – Aula 2 (Facoltà di Lettere)

Prof.ssa Maria Serena Sapegno (Studi di Genere, Università La Sapienza)
Prof.ssa Beatrice Pisa (Storia delle Donne, Università La Sapienza)

● 27 OTTOBRE ●
H17 – Aula 5 (Facoltà di Lettere)

Dott.ssa Elisabetta Canitano (Ginecologa e presidentessa dell’Associazione Vita di Donna Onlus)
Associazione Rete Jin
Martina Carpani (Rete della Conoscenza)

In aggiornamento!

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.