La parte cattiva dell’Italia. Sud, media e immaginario collettivo

Sud Italia e comunicazione di massa. In che modo il nostro meridione viene narrato?

Queste le domande che fanno da punto di partenza per l’indagine proposta dal libro: “La parte cattiva dell’Italia” di Valentina Cremonesini e Stefano Cristante, che analizzano con gli strumenti della sociologia della comunicazione gli elementi di un racconto meridionale che si sbriciola in una perenne altalena tra stereotipi e occasioni di innovazione.

Valentina Cremonesini (1972), insegna Sociologia generale e Teorie sociologiche contemporanee all’Università del Salento. Si occupa prevalentemente di potere, controllo sociale e rappresentazioni dell’identità. Ha scritto, tra gli altri: Il potere degli oggetti. Il marketing come dispositivo di controllo sociale (2006) e Città e potere. Per un’analisi foucaultiana dello spazio urbano (2011).

Stefano Cristante (1961), insegna Sociologia della comunicazione all’Università del Salento, dove ha fondato l’Osservatorio di Comunicazione Politica. Ha scritto, tra gli altri: Potere e comunicazione (1999- 2004), Azzardo e conflitto (2001), Media Philosophy (2005), Comunicazione (è) politica (2009),Prima dei mass media (2011). Dirige la rivista on line “H-ermes. Journal of Communication”.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.