La sedia di cartone

Ausilio è qualsiasi strumento di produzione specializzata usato da un disabile per alleviare il suo handicap. Jeoffrey è un bimbo africano che non si può muovere autonomamente e ha bisogno di un’attrezzatura specialistica. Come può essere garantita in un un paese rurale del Kenya dove mancano i servizi di base? La sedia di cartone risponde a questa domanda con un’esperienza unica al mondo: per Jeoffrey, così come per altri bimbi, vengono costruiti ausili impiegando materiali poveri come il cartone riciclato.

 

«Attraverso questo lavoro abbiamo voluto raccontare come una semplice sedia realizzata manualmente in cartone riciclato possa cambiare la prospettiva di una relazione, in particolare in una situazione di svantaggio motorio e psichico – spiegano Zuin e Ramigni – . La patologia gravemente disabilitante non consentirà a Jeoffrey di raggiungere alcun grado di autonomia. Per questo motivo l’impiego di un ausilio diventa un importante contributo, per mantenere la postura più corretta ed evitare l’instaurarsi di altre patologie, ma anche per partecipare alla vita sociale. L’ausilio diventa motore di cambiamento non solo per il bambino, ma anche per la sua famiglia e per l’intera comunità in cui vive e che lo accoglie»

fonte: www.sociale.corriere.it

Commenti

4 × 2 =