Lezioni prova “teaLtro” laboratorio teatrale per adulti

26.9.2018 - 3.10.2018

“teaLtro”
laboratorio teatrale per adulti
a cura di Valentina Elia

CHE COS’È ?
teaLtro è un luogo in cui mettersi in gioco, provare, sbagliare, riprovare, non giudicarsi, divertirsi, affidarsi, emozionarsi, stupirsi.

È uno strumento attraverso il quale riscoprirsi e riscoprire la voce, il corpo, lo spazio, il tempo, assumendone consapevolezza.

È un posto in cui non è importante “capire” ma “sentire”.

È un mezzo per esprimere la propria autenticità e trasformarla in atto creativo.

È un soffio che alimenta la scintilla che arde dentro ognuno.

È un’opportunità per chi cerca altro dal teatro.

CHE COSA SI FA?
Esploreremo diversi linguaggi legati al teatro e alla danza, facendo riferimento ai metoti Lecoq, Laban/Bartenieff, Feldenkrais.
Sarà come rispolverare qualcosa che il corpo conosce già ma che non ricorda: la lingua dei sensi, per esternare l’immaginario interiore e renderlo infine atto scenico.

– Tecniche di rilassamento e di riscaldamento, respiro, dal suolo alla verticalizzazione, connessione centro – estremità, radicamento;

– pratiche per sviluppare la consapevolezza del corpo, del peso, delle direzioni in relazione agli altri e allo spazio, studio sulla presenza scenica;

– giochi teatrali per accrescere il senso del gruppo e la fiducia;

– training vocale, gioco con il suono, la voce, il ritmo in relazione al movimento;

– tecniche di creazione e di improvvisazione, individuali e di gruppo.

Per la buona riuscita del lavoro è necessario vestirsi comodi e a strati inoltre è opportuno munirsi di calzettoni per poter lavorare senza scarpe.

QUANDO E DOVE?
Mercoledì 27 Settembre e Mercoledì 3 Ottobre
Dalle ore 20.00 alle ore 22.00
( per questa volta sono ammessi i ritardatari!)
Gradita la prenotazione!

Nella palestra dell’ExFadda l’Officina del Sapere
via Brindisi s.n. – San Vito dei Normanni (BR)

Per informazioni e iscrizioni 333 68 10 670.

CHI LO CONDUCE?
Valentina Elia, classe 1987, attrice e danzatrice di Ceglie Messapica.
Quando scopre il teatro danza se ne innamora così decide di approfondire la conoscenza di questo linguaggio, da qui, inevitabilmente, viene rapita dalle varie forme d’arte che gravitano attorno a questo mondo.
Nel 2008 si diploma presso la Scuola Internazionale di Teatro “Circo a Vapore” a Roma, dove studia i vari stili teatrali legati al metodo Lecoq, elementi di acrobatica, giocoleria, teatro fisico.
Tra il 2008 e il 2011 collabora con il Centro Ricerca per la Cultura e le Arti Teatrali “La Luna Nel Pozzo” di Ostuni, esperienza che le insegna a fare del teatro anche un mezzo pedagogico oltre a farle riscoprire il linguaggio poetico del clown.
Nel 2011/12 frequenta il corso di Teatro Danza, presso la Scuola di Arte Drammatica “Paolo Grassi” a Milano, qui approfondisce diverse tecniche della danza, metodi di creazione, interpretazione, voce, ritmo oltre a materie teoriche inerenti.
Per approfondire alcune tecniche segue in giro per l’Italia maestri di fama internazionale, alcuni tra questi: Kirstie Simson, Anne Julie Stanzak, Maria Consagra, Claude Coldy, Marigia Maggipinto, Giorgio Rossi, Marina Rippa.
Cresce in lei la necessità di creare, così seguono incontri che danno vita a collaborazioni e spettacoli.
Legata alla sua terra, sceglie di vivere in Puglia, con il desiderio di contribuire alla crescita del suo territorio e di collaborare con le realtà artistiche locali, pur continuando a viaggiare per fare spettacoli e continuare a formarsi.
Sostiene per diversi anni l’Associazione Culturale “Casarmonica” di Ceglie Messapica, in particolare, nell’organizzazione del “Festival Dei Giochi” oltre a partecipare come performer all’interno delle cerimonie inaugurali.
Tra il 2012 e il 2014 lavora per “Armamaxa” Residenza Teatrale di Ceglie Messapica, curando vari laboratori e collaborando per alcuni spettacoli, come “All’Insù” spettacolo itinerante per le piazze e i balconi di varie città pugliesi e “Opera Povera” realizzato in occasione del Carnevale di Putignano 2014.
Dal 2015 entra a far parte de “La Bottega dei Giocattoli”, una produzione del Teatro “crest” di Taranto, spettacolo che ha superato le 200 repliche, calcando i palchi di molti teatri italiani.
Nel 2016 danza ne “La Dea in Trono” spettacolo nato da un’idea di Gaetano Colella, realizzato all’interno della rassegna fuoriLUOGO, presso il Museo MarTA di Taranto.
Collabora con l’Associazione Culturale “Amarezza” di San Vito dei Normanni nella realizzazione della manifestazione culturale “Rezzica 2017” occupandosi della coordinazione degli artisti e della ideazione e realizzazione dello spettacolo cerimoniale di apertura e chiusura.
Nel 2017 è tra gli attori del progetto “Papagna Experience”, un percorso di storytelling digitale fatto di corti virtuali, graphic novel, racconti sonori e musica, a cura di Casarmonica e Teatro dell’Est.
Tra il 2017 e il 2018 instaura una collaborazione con il Laboratorio Urbano ExFadda di San Vito dei Normanni, dove tiene i suoi laboratori, “teaLtro” e “BALLA! ”, percorsi nati dal desiderio di trasmettere e condividere la sua esperienza.
Nel 2018 cura il movimento scenico e compone le coreografie di “Come il Brutto Anatroccolo”, produzione del Teatro “crest” di Taranto.
Collabora con CIRCOlare Festival delle arti circensi 2018, esperienza dalla cui fusione delle varie discipline nasce lo spettacolo “Oggi Plastica!”.
Si presta come modella e interprete in svariate occasioni, per video e foto, spot, come per “La Maison de la Mode” , “Papayapie” e “Yulia Longo Photography”.
Sviluppa un suo progetto che chiama “teaLtro”, una sorta di contenitore che racchiude le sue attività che la vedono impegnata come autrice, interprete, formatrice, oltre che nella continua ricerca di una poetica e di una pedagogia personali, attraverso le quali “teatro e danza” si fondono per creare, esprimere, condividere, riscoprire, ricercare e cercare “altro”.
Tra le sue creazioni ci sono: “GIoACCHINO” spettacolo ispirato ai film muti con cui arriva tra i finalisti della Biennale MarteLive 2017.
“SIGNORINA Demodè – disturbatrice d’altri tempi” performance itinerante basata sul gioco, l’improvvisazione e l’interazione con i luoghi e le persone.
“Ma io non volevo fare il Pirata!” spettacolo di teatro fisico, clown e giocoleria.
“Una Vita da Favola!” spettacolo che ha come interpreti i partecipanti al suo laboratorio “teaLtro”, nato con il desiderio di ironizzare e riflettere sul quotidiano, sui difetti propri e dell’essere umano, ricercando un contatto più profondo con la realtà.

https://vimeo.com/243366009

https://www.youtube.com/watch?v=uG6IXIOAOks

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.