“L’uomo nel diluvio”. Il teatro racconta una generazione precaria

Vincitore del premio In-box 2014 per il teatro emergente, scritto e diretto da Simone Amendola e Valerio Malorni e prodotto da Blue Desk, “L’uomo nel diluvio” è il racconto una generazione. Quella dei trentenni italiani la cui condizione sociale, economica e lavorativa precaria trasmigra e si confonde con sul piano più intimo, personale ed esistenziale.

“Una generazione come un novello Noé, che cerca di scappare al diluvio imbarcando ciò che ha di più caro, alla ricerca di un po’ di terra ferma. Un uomo che incarna quella generazione e che sotto il minuscolo diluvio del suo bagno, con una vasca come arca, medita la fuga leggendo uno strampalato (ma realissimo) “manuale per italiani in fuga”. Un gigantesco luogo comune, un’utopia moderna piccina piccina – come sostiene Graziani – che, proprio per questa sua dimensione ordinaria (non fare la rivoluzione, ma trovare lavoro e dignità) racconta meglio di qualunque invenzione letteraria quella ferita che sta sotto il galleggiare di chi non si vede riconosciuto un posto fermo nel mondo.”

 

 

 

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.