MAGARI LE COSE CAMBIANO

Magari le cose cambiano – Neda è una signora romana di 50 anni. E’ cresciuta negli anni ’60 nel cuore della capitale, a due passi dal Colosseo. Oggi però Neda non vive più nel suo rione. Sta a Ponte di Nona, nel cuore delle “nuove centralità” alla periferia di Roma.

Sara, 18 anni, a Ponte di Nona invece ci è cresciuta. Figlia di una pugliese e di un egiziano, è una delle pochissime ragazze di Ponte di Nona che ha avuto la possibilità di studiare al liceo. Dal cuore della borgata periferica, Sara e Neda ci conducono in una sorta di inchiesta spontanea sulle dinamiche di interesse e di potere che segnano le vite quotidiane di migliaia di cittadini come loro.

Per continuare a realizzare e distribuire documentari-testimonianza come “Magari le cose cambiano abbiamo bisogno del contributo di tutti. E’ possibile partecipare a finanziare il progetto.

SCHEDA TECNICADoc, Italia, 2009, 63’Lingua: Italiano (sottotitoli in inglese e francese)

Produzione: ZaLab e OFF!CINE (Italia)

Soggetto e regia: Andrea Segre

Fotografia: Luca Bigazzi

Montaggio: Luca Manes

Con: Neda Bonardi, Sara Shokry, Lorenzo e Gabriele Bonardi, Luca Li Calsi, Paolo Berdini

Aiuto regia: Matteo Calore

Consulenza e ricerca: Stefano Liberti

Montaggio suono: Riccardo Spagnol

Segreteria distribuzione: Giulia Moretti

Grafiche: Sara Zavarise e Marco Lovisatti

Musiche: Piccola Bottega Baltazar, Collettivo Angelo Mai, Slede Zlive Slede

PREMI E PROIEZIONIin concorso al 27° TorinoFilmFestival – ItalianaDocPremio UCCA – 20Città

Premio Avanti!

Primo premio al concorso Docucity

102 proiezioni al 30 aprile 2014
Il quartiere del Carmine di Brescia ha conosciuto negli ultimi decenni rapidi cambiamenti dovuti all’aumento di residenti immigrati e ad un imponente progetto di riqualificazione urbana che ha trasformato in profondità le sue caratteristiche fisiche, il profilo dei suoi abitanti, gli spazi pubblici, i luoghi del commercio, le relazioni di vicinato.

Commenti

diciotto − 11 =