NOma, nasce l’app per ricordare le vittime di mafia

Un’applicazione per raccontare le storie di chi ha sacrificato la propria vita nella lotta alla mafia. Si chiama NOma-museo urbano NOmafia ed è un progetto per custodire la memoria dei luoghi e delle persone e aiutare i commercianti di Palermo e dintorni che continuano a lottare contro il pizzo.

Organizzata in tre macrosezioni (Le storie, il progetto e Pizzo-free) l’app gratuita per smartphone e tablet iOS, Android e Windows è una sorta di viaggio narrato.

Presentata venerdì 5 febbraio, alla sala Koch del Senato, dal presidente Pietro Grasso insieme a Leoluca Orlando, sindaco del capoluogo siciliano, Pierfrancesco Diliberto in arte Pif, il presidente dell’associazione Sulle nostre gambe, Marco Patuano, e Maria Pia Ammirati, direttrice di Rai Teche.

A narrare le vicende dei primi 15 personaggi sarà la voce di Pif e di molti personaggi siciliani del mondo della cultura e dello spettacolo che hanno deciso di dare una mano: Pippo Baudo, Giuseppe Fiorello, Giuseppe Tornatore, Paolo Briguglia, Leo Gullotta, Luigi Lo Cascio, Donatella Finocchiaro, Ficarra&Picone, Isabella Ragonese, Teresa Mannino.

L’app è nata da un’idea dell’associazione culturale Sulle nostre gambe, fondata da Pif insieme a Roberta Iannì, Emanuela Giuliano e Tiziano Di Cara – autore dell’idea dell’app – e sviluppata insieme a Tim col patrocinio del Comune palermitano in collaborazione con le Teche Rai.

Disponibile anche in inglese, parla trasversalmente ai cittadini, ai turisti, ai giovani e agli studenti tramite le strade della città, conducendo l’utente nei luoghi degli attentati mafiosi che hanno segnato la storia nostrana dagli anni Settanta.

Ogni vicenda è anche illustrata con documenti storici, animazioni digitali, fumetti, note biografiche, video, scatti d’epoca e interviste inedite ai familiari. Una sorta di percorso a tappe consultabile direttamente sulla mappa o sotto forma di elenco.

La sezione Pizzo-free mostra infine le attività commerciali che hanno aderito al consumo critico promosso da Addiopizzo, il movimento nato dall’impegno di un gruppo di giovani che hanno scelto di combattere la mafia promuovendo un sistema di economia virtuosa.

http://www.nomapalermo.it/

Commenti

quattordici − dieci =