La sfida di Controcorrente S.O.S. è quella di creare un contesto lavorativo che integri al suo interno ragazzi con difficoltà relazionali e cognitive, oltrepassando il mero assistenzialismo, in favore di un percorso di autodeterminazione che sia volto a rendere i ragazzi stessi protagonisti assoluti del loro futuro.

L’innovazione di questo processo sta nel mettere insieme l’esperienza professionale di giovani educatori come Francesco, Luigi e Alessandro, con la spontaneità e la voglia di mettersi in gioco di Domenico, Cristiano, Gaetano, Saverio e tanti altri ragazzi “speciali” come loro.  

L’apprendimento cooperativo e tra pari sarà il fulcro dell’intero progetto poiché, tutto il lavoro svolto sarà frutto delle profonde sinergie che si andranno a consolidare tra i protagonisti di questa avventura. Tutti avranno qualcosa da imparare e, allo stesso modo, tutti avranno qualcosa da donare e condividere, in uno spirito di crescita personale e collettiva.