“Still not asking for this”: corpo e parole contro lo stupro

La campagna si chiama “Still not asking for this”: frasi semplici, immediate che condannano la violenza sessuale su tutti i generi. Uomini e donne, amici della fotografa Rory Banwell, hanno risposto al suo appello e hanno posato con scritte che denunciano i soprusi. Pian piano il progetto è diventato virale coinvolgendo sempre più persone.Le foto sono state scattate in alcune città australiane, tra cui Sydney, Newcastle e Coffs Harbour, luogo in cui vive l’autrice. Alcuni dei soggetti sono amici o amici di amici, alcuni di loro hanno subito violenze, altri sono avvocati appassionati alla causa.

Alcuni hanno criticato la fotografa per la mancanza di diversità (dalle persone di colore ai transgender), una lacuna che Rory intende colmare scattando altre foto a chiunque vorrà far parte della sua campagna.

Tratto da: http://d.repubblica.it/

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.