Violent Borders – documentario

“Violent Borders” è un reportage che svela le reali conseguenze della militarizzazione delle frontiere dell’UE, andando a intervistare direttamente le categorie più vulnerabili in transito sulla Rotta Balcanica: donne e minori. La maggior parte di loro ha subito o assistito a diverse forme di violenza al passaggio di diverse frontiere europee, in particolar modo quella bulgara, ungherese e croata.

Donne e bambini, purtroppo, sono assenti dal discorso mediatico, concentrato sulle testimonianze dei maschi adulti. Tuttavia, in Serbia, paese in cui è ambientato il reportage, donne e bambini rappresentano il 50% della popolazione migrante in transito. È fondamentale, dunque, sentire la loro voce.

È complesso e delicato coinvolgere donne e minori in transito in una narrazione che porti il loro punto di vista al centro del discorso mediatico europeo. Eppure sono proprio loro le categorie che più mettono in crisi la retorica xenofoba, rivelando le conseguenze della militarizzazione delle frontiere. Per giunta, ci sono tutta una serie di violenze di genere che gli uomini non potranno mai raccontare.

Il reportage è stato completamente auto-prodotto l’anno scorso e ora con un piccolo sforzo si potrà pubblicarlo in tre lingue grazie a una forte rete sociale.

Si può seguire la nostra campagna su Indiegogo o sulla nostra pagina Facebook.

“Violent Borders” viene prodotto in collaborazione con tre importanti realtà associative: ZaLab, Human Rights Nights One Bridge to Idomeni. Il 10 maggio presenteremo degli estratti del reportage al Human Rights Nights Festival che si terrà al cinema Lumiére di Bologna.

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.