WELFARE FISCALE

Tra le molteplici accezioni di welfare negli ultimi anni prende sempre più corpo con nuovi interventi normativi.

Concettualmente si contrappone al welfare universalistico pubblico che si basa sulla tassazione generale con funzione redistributiva (attivare flussi di tipo verticale dalle fasce di reddito più elevate ai gruppi sociali svantaggiati).
Operativamente si basa su forme diverse di agevolazioni a sostegno della domanda privata di beni e servizi di welfare.
Può assumere una molteplicità di configurazioni, definite dalla Legge, come deducibilità fiscale, detassazioni, incentivi.
È attivo in diversi ambiti, tra cui si possono ricordare: il welfare aziendale, l’assistenza integrativa, il mutualismo, il Terzo settore, le Imprese sociali, le donazioni.
Pone alcuni problemi in quanto, pur gravando comunque sulla fiscalità generale, va a favore solo di alcuni: introdotte in ambito aziendale e occupazionale, per chi ha la fortuna di essere occupato in imprese e/o in settori che offrono tutele addizionali; in generale, per chi ha risorse sufficienti a acquistare tutele aggiuntive rispetto a quelle universalmente disponibili.

https://sites.google.com/site/programmazionesociale/home/box-di-approfondimento/accezioni-di-welfare

LE NOVITÀ SUL SITO DEDICATO ALLA PROGRAMMAZIONE SOCIALE

Sei su Facebook? Tutti gli aggiornamenti del sito

sulla pagina dedicata

“Mi piace” per avere le notifiche: suggeriscilo ai tuoi amici

Commenti

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.